“Ho male ovunque. Sento dolore 24 ore su 24 e fatico a respirare“. Jacob Blake, l’afroamericano colpito alla schiena dai proiettili esplosi dalla polizia a Kenosha, in Wisconsin, lo scorso 23 agosto, ha parlato per la prima volta dal letto dell’ospedale in cui è ricoverato. Il 29, paralizzato dalla vita in giù, ha parlato della propria sofferenza: “La vostra vita, ma anche le vostre gambe, cioè una cosa che vi serve per muovervi, possono essere prese così, da un momento all’altro”. Il video è stato pubblicato ieri sui social dal proprio avvocato, Ben Crump. “Ve lo dico, cambiate la vostra vita. Restate uniti e rendete le cose più facili per la nostra gente, perché è già stato sprecato molto tempo”. Dopo il ferimento di Blake, gli Stati Uniti sono stati percorsi da nuove manifestazioni e proteste. I giocatori della Nba, per la prima volta nella storia,hanno deciso di non scendere in campo per due giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Successivo

Usa, la vicenda del diciassettenne accusato di omicidio è il simbolo di un fallimento

next