Quest’anno più che mai “viva l’Italia” siamo noi, noi che abbiamo avuto la forza di ripartire. Viva l’Italia siete voi, clienti e amici che ci siete stati vicini in questi mesi… A voi va il nostro sentito grazie“. Le parole sono quelle apparse accanto a una foto posizionata nella vetrina di una erboristeria di Casalpusterlengo, in provincia di Lodi. Il negozio è gestito dalla moglie e dalla suocera di Mattia Maestri, il “Paziente 1”, e insieme alle parole di rinascita e speranza compare una sua foto, bellissima, insieme alla moglie Valentina e alla figlia, nata poco dopo la fine del lungo periodo che Mattia ha trascorso in ospedale causa coronavirus. Si tratta del modo con il quale la famiglia Maestri ha deciso di partecipare a un concorso indetto a Casalpusterlengo per la festa patronale: “La miglior vetrina”. Così la cittadina, duramente colpita dal covid, prova a “rinascere”. Mattia Maestri è stato il primo paziente con Coronavirus diagnosticato in Lombardia nella notte tra il 20 e il 21 febbraio, primo caso “autoctono” in Italia oltre alla coppia di turisti cinesi che ricoverata per un lungo tempo allo Spallanzani di Roma. Quando lui è stato ricoverato, anche la moglie ha scoperto di essere positiva, per fortuna senza gravi sintomi: era incinta di otto mesi. Mattia è stata dimesso dopo un calvario durato diverse settimane, sua figlia è nata il 7 aprile.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valentina Ferragni, la sorella di Chiara: “Mi chiedono foto struccata per poi dire ‘quanto è brutta’”. Magari non rappresento la perfezione, sono imperfetta e lo accetto”

next
Articolo Successivo

Claudio Bisio: “La mia mamma morta durante il lockdown, non so se per covid. Volevo restarle accanto”

next