Era il 28 agosto del 1884 quando, sul parigino Les Journal des Débats, apparve la prima puntata di un romanzo che cambiò per sempre la storia della letteratura europea: Il Conte di Montecristo. Oggi, a 136 anni di distanza, Google ha deciso di dedicargli non solo un doodle (una rivisitazione del logo che il motore di ricerca fa per omaggiare importanti avvenimenti storici), ma un vero e proprio slideshow che ripercorre i punti salienti del romanzo. Un’occasione per ricordare uno dei romanzi storici più famosi della letteratura europa e per celebrare il suo scrittore, Alexander Dumas (padre).

Nonostante si tratti di uno romanziere della tradizione francese (è nato il 24 luglio del 1802 a Villers-Cotterêts, un piccolo comune al nord di Parigi), Dumas ha una lunga storia che lo lega a doppio spago all’Italia. Dopo un viaggio in Russia, quando ormai era già celebre per i suoi romanzi, nel 1860 Dumas compì una crociera nel Mediterraneo sulle tracce di Ulisse che interruppe, poco dopo, per raggiungere via mare la Spedizione dei mille capitanata da Giuseppe Garibaldi. Fervido sostenitore degli ideali garibaldini (era membro della Massoneria), lo scrittore finanziò la spedizione con armi e munizioni. Seguì il condottiero nella Battaglia di Calatafimi, che descrisse ne I garibaldini, del 1861, e con lui entrò a Napoli il giorno in cui la città venne occupata dalle Camicie Rosse. Per tre anni (dal 1861 al 1864) fu “Direttore degli scavi e dei musei” su nomina di Garibaldi e nello stesso periodo curò il giornale garibaldino L’Indipendente, alle stampe fino al 1876.

Padre di un figlio a cui ha dato lo stesso nome, lo scrittore viene ricordato per il suo genio creativo e la sua fervida produzione. Il Conte di Montecristo, tra le sue opere più celebrate, racconta le vicissitudini del marinaio Edmond Dantès, imprigionato sull’isola di Montecristo a seguito di un inganno del suo rivale, il Barone Danglars, riesce attraverso numerosi stratagemmi a vendicare il suo nome e a riconquistare il suo prestigio. In un racconto che si interseca con la Storia della Francia in piena Restaurazione, Dumas è ricordato per la sua abilità, da romanziere, nel riuscire a intersecare sottotrame romanzesche, amorose e di riscatto sociale in ambientazioni storiche. Insieme al romanzo che viene celebrato oggi, lo scrittore ha prodotto un numero sconfinato di opere letterarie, tra cui non si possono non ricordare La Regina Margot, e l’altro celebre romanzo d’appendice I tre moschettieri, che ha reso celebri Athos, Porthos e Aramis, insieme al protagonista della vicenda, il giovane guascone Charles d’Artagnan.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Comune di Massa Martana censura Mistero Buffo (ANCORA?!?!), ma il sindaco, di sinistra, dice che non è vero

next
Articolo Successivo

Vodka siberiana /9 – Loser

next