di Antonio Deiara

E’ giunto il momento di dire “basta!” all’insegnante-Octopus. Ad ogni stormir di foglia, il Ministero dell’Istruzione, nel silenzio assordante dei Sindacati, carica sulle spalle delle maestre e dei professori incarichi aggiuntivi estranei alla loro professione, a titolo gratuito o per un pugno di euro. Basti pensare alle mal retribuite funzioni strumentali, ai cirenei referenti per la sconfitta del bullismo (e anche del cyber-bullismo) e, dulcis in fundo, all’ectoplasmatico “Referente Covid”.

Ciascuno faccia bene il proprio lavoro: noi siamo laureati e abilitati in lettere, arte e immagine, lingue straniere, matematica, scienze motorie, strumento musicale, etc. Come vedete, nessun titolo in medicina e chirurgia o scienze infermieristiche. Ogni scuola deve avere a disposizione un medico scolastico o un infermiere scolastico, che si occupi di eventuali problemi di salute di discenti, docenti, presidi e personale Ata. In questo periodo, di Covid-19.

Il nostro lavoro consiste nell’insegnare, nel modo didatticamente più efficace possibile, le discipline che abbiamo studiato approfonditamente, come documentato dai titoli rilasciati da Università, Conservatori e Accademie, e dalle abilitazioni all’insegnamento conseguite.

Ogni nuovo inquilino di Viale Trastevere lancia la “moda del momento”: pseudo-pedagogia in pillole, voto versus giudizio, inclusione versus integrazione, il NIV per il RAV, il PTOF che seppellisce il POF, il “tutti promossi” per il fatto di esistere (anche andando a scuola a targhe alterne), il “tana, liberi tutti” per bulli e bulle, etc.

Ovviamente, il Covid-19 non è una “moda”: la “moda” consiste, per l’ennesima volta, nello scaricare sulle spalle di noi insegnanti, a costo zero o per un pugno di euro, un compito per il quale non abbiamo competenze perché non è quella la nostra professione. Stiamo parlando di competenze di carattere sanitario che non possono essere acquisite con un webinar miracoloso, come il “Miracolin gocce” citato da un mio amico medico.

Ci sarebbe anche l’elemento educativo, anzi, “l’emergenza educativa” che riguarda ormai numerosi alunni e genitori. Ma noi insegnanti siamo considerati, parafrasando Mozart, dopo i lavoratori veri e poco prima dei nullafacenti per vocazione. Perciò alunni bulli e genitori aggressivi e/o violenti si sentono autorizzati a spiegarci come svolgere la nostra professione per promuovere il successo scolastico del proprio figlio (in verità la spiegazione, non di rado, si limita alla “promozione”…), a insultarci o sputarci addosso o picchiarci. Tanto a loro nessuno farà niente.

Siamo noi docenti, incontrovertibilmente, a formare le nuove generazioni; chi di noi non svolge il proprio lavoro con scienza e coscienza, venga cacciato con ignominia, senza parafulmini sindacali! Ma l’insegnante che “con disciplina ed onore” tutti i giorni, in tutte le scuole di ogni ordine e grado, forma ed istruisce le alunne e gli alunni che a lei o a lui sono stati affidati dallo Stato, ha il diritto di ricevere da quello stesso Stato: il riconoscimento del lavoro svolto, in termini sociali ed economici; una tutela pari a quella riservata agli altri pubblici ufficiali; condizioni, strutture, mezzi e strumenti funzionali e funzionanti rispetto al compito da svolgere.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le aule ci sono ma non si possono usare: il paradosso di una scuola romana. La preside: “Necessarie per garantire il distanziamento”

next