La bambina di 5 anni ricoverata da giorni in terapia intensiva all’ospedale di Padova ha un quadro clinico grave, “ma per un’altra patologia, non per il Covid”. La precisazione dopo giorni di dubbi e domande è arrivata dal presidente del Venento, Luca Zaia, nella consueta conferenza stampa sulla situazione del virus. “La bimba è positiva – ha spiegata il governatore – ma la diagnosi differenziale è stata fatta, e non è in questa situazione per il coronaviirus. La patologia che l’ha portata in terapia intensiva è di tutt’altra origine, ci sono tre casi in Italia, ci ha riferito l’ospedale Spallanzani”.

“Io dico che abbiamo una bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Padova positiva al coronavirus Sars Cov 2. Il resto è da accertare” spiegava un paio di giorni fa all’Adnkronos Salute il direttore generale dell’azienda ospedaliera di Padova Luciano Flor. La piccola “non aveva patologie pregresse. È arrivata in pronto soccorso e stava male. Le abbiamo fatto il tampone, come facciamo a tutti, per ricoverarla ed è stata trovata positiva. Ma il problema ora è capire se il coronavirus è la causa della grave sindrome che l’ha colpita o se la bambina ha questa sindrome e il coronavirus”. La paziente ha “una sindrome emolitico-uremica, ne vediamo pochi casi l’anno. Un quadro grave, ma i bimbi di solito rispondono. Vanno escluse tutta una serie di altre cause. Se fosse accertato che è il coronavirus sarebbe la prima volta. Siamo cauti, perché un nesso non è ancora stato stabilito”. Invece a diagnosi differenziale effettuata l’ipotesi coronavirus è stata esclusa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diciassettenne ricoverato in terapia intensiva dopo febbre sintomi gastrointestinali: è positivo al Covid

next