Mentre nel mondo la ricerca sulla lotta al coronavirus avanza con alcuni Paesi in testa, l’Organizzazione mondiale della Sanità invita a “prevenire i nazionalismi sui vaccini” e “garantire che le innovazioni siano disponibili per tutti, ovunque, a partire da quelli a più alto rischio”. A dirlo il direttore generale dell’organizzazione mondiale, Tedros Adhanom Ghebreyesus nel briefing periodico sul coronavirus. Il direttore ha ricordato che “nessuno è al sicuro finché non sono tutti al sicuro”, sottolineando che quindi l’Oms si propone di fare da punto di raccordo e coordinamento, anche sui vaccini. La proposta dell’organizzazione mondiale è semplice: “Implementare l’assegnazione dei vaccini in due fasi: nella 1 le dosi saranno assegnate proporzionalmente a tutti i Paesi partecipanti contemporaneamente per ridurre il rischio complessivo. Nella fase 2, si terrà conto dei paesi in relazione alla minaccia e alla vulnerabilità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, boom di casi in Spagna: 2.128. Francia, mascherine obbligatorie negli uffici. “Oltre mille morti nelle carceri americane”

next
Articolo Successivo

Mauritius, arrestato il capitano della petroliera incagliata su una barriera corallina

next