“Sono d’accordo con qualsiasi tipo di controllo, è doveroso, ma sull’ordinanza dei tamponi per chi rientra da Paesi a rischio (firmata dal ministro della Salute Speranza che prevede test molecolare o antigenico, da effettuarsi con tampone, per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna, ndr), c’è qualcosa che non mi torna. Mi sembra più un modo per disincentivare il turismo fuori dall’Italia”. Così Alba Parietti da Ibiza, dove si trova in vacanza nella sua abitazione, interviene a gamba tesa su quello che è uno dei temi più dibattuti in questa settimana di Ferragosto, ovvero l’aumento dei casi di coronavirus in Italia dovuto anche ai rientri dalle vacanze all’estero, sopratutto dai Paesi cosiddetti a “rischio” per l’elevato numero di casi accertati.

“Trovo assurdo che in alcune regioni si obblighi la gente che rientra dalle vacanze all’estero a farsi la quarantena! -prosegue la showgirl all’Adnkronos – Come fa a lavorare?. A me sembra che utilizzando queste modalità si voglia dire agli italiani: ‘Non uscite da qua’. Allora mi domando: ‘Perché sugli aerei non c’è nessun tipo di distanziamenti?’. Poi vorrei capire, come faranno a testare aerei con 150 persone? Non c’erano i test prima quando la gente era a casa con 39 e mezzo di febbre e ora improvvisamente li hanno per interi aerei? – si chiede la Parietti- Secondo me questa cosa dovrebbe essere fatta con un po’ più di logica, misurate la febbre, prendere un pò di gente a campione ad esempio, ma non così”.

“Ora se uno sta per partire per Ibiza o la Grecia ovviamente non parte più. Avevo molti amici che dovevano venire qui e hanno disdetto tutto -racconta ancora la showgirl – Io appena ho letto la notizia ho deciso di anticipare il mio rientro in Italia di 15 giorni per evitare di finire in quarantena e non poter lavorare perché basta che sul mio volo ci sia una persona positiva che rischio di essere messa anche io 15 a giorni a casa nonostante sia ormai immune (la showgirl si è sottoposta al test sierologico ed aveva gli anticorpi, ndr)”.

“A Ibiza non ci sono le discoteche – sottolinea la Parietti – alle due di notte chiudono tutto, tutti per strada girano con la mascherina altrimenti si beccano una multa di 100 euro. Io vengo da anni qui perché ho una casa di proprietà e sto con gente e amici che conosco e di cui mi fido. E nonostante questo -conclude- sono stata insultata perché sono venuta a casa mia!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Meghan Markle rompe il silenzio: “Attenzione tossica su me e Harry, sempre attenta ai dettagli più scabrosi”

next
Articolo Successivo

Matilde Brandi: “Sono una milf con la testa da 14enne”

next