Arrivano i video brevi anche su Instagram. Ma ci sono già le stories, dirà qualcuno. I reels sono un’altra “storia”: multi-clip di 15 secondi che possono essere girati direttamente dalla app e “modificati” in post produzione con moltissimi effetti diversi. Vi ricorda qualcosa? Già. Tik Tok. La app che spopola tra giovanissimi, influencer e tra qualche vip attempato che crede di guadagnare nuovo pubblico con un ballettino. La nuova funzione è arrivata in Italia il 5 agosto e adesso sarà gradualmente disponibile in tutti i dispositivi iOs e Android. Come funziona? Facile: si apre Instagram, poi la fotocamera e si va dritti sull’icona del Reel. Una volta premuta l’icona del “ciak” le opzioni a disposizione sono tantissime. Se qualcuno ricorda Snapchat, ricorderà anche la ‘fine’ fatta quanto Instagram ha introdotto la stories. Sarà così anche per la sfida Reels vs Snapchat?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michelle Obama: “Ho la depressione, cerco di combatterla”

next
Articolo Successivo

Barbara D’Urso e la foto dove “corre stando ferma”: gli haters la attaccano

next