Aveva organizzato un weekend con gli amici per festeggiare le sue nozze imminenti, un momento di svago e spensieratezza prima di intraprendere la vita matrimoniale, ma l’alcol bevuto in quei giorni le è stato fatale. È quanto successo a Sarah Howson, 34 anni: è morta durante il suo addio al nubilato a causa di quello che solo adesso è stato accertato esser stato un avvelenamento da alcol causato dal gin che lei stessa aveva fatto in casa.

I fatti risalgono all’11 ottobre del 2019, quando la donna partì con quattro amici alla volta del Westfield Country Park di Fitling, in Gran Bretagna per il suo addio al nubilato. Un weekend di festa trascorso a mangiare e bere. I ragazzi che erano con lei hanno raccontato agli inquirenti che la seconda notte, dopo aver bevuto già parecchio vino, Sarah tirò fuori una bottiglia di gin che aveva fatto lei stessa in casa. Alle 3 di notte del 13 ottobre gli amici l’hanno portata a letto perché non stava bene. “Riusciva a parlare e poteva camminare – si legge in un rapporto della polizia -. Gli amici le hanno messo il pigiama e l’hanno messa a letto. Sembrava molto ubriaca“.

Verso le 5 del mattino, gli amici hanno controllato come stesse: sembrava dormisse, ma quando poi alle 6.30 sono tornati da lei, si sono accorti che non rispondeva più. Le hanno effettuato un massaggio cardiaco in attesa dei medici che, una volta sul posto, non hanno potuto far altro che dichiararne il decesso alle 7.04. Dopo la morte il medico legale Michael Mellun ha lavorato per mesi per comprendere cosa abbia portato al decesso di Sarah e i risultati delle analisi arrivati solo ora non lasciano dubbi: è stato un avvelenamento da alcol. “Una quantità eccessiva di alcol è stata assunta in un periodo di tempo relativamente breve ha detto Mellun al Mirror -. All’alcol di venerdì sera si è aggiunto quello di sabato, una quantità che il corpo di Sarah non è riuscita a tollerare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragazzo muore per choc anafilattico dopo aver mangiato popcorn. Era al cinema con i genitori: aperta inchiesta

next
Articolo Successivo

La mamma e la figlia che sembrano gemelle: “Una volta mio marito ha dato una pacca sul cu** a mia madre”

next