A circa due chilometri dal porto di Beirut, all’ospedale Saint George, una donna è in sala parto, circondata dal personale sanitario, e sta per mettere alla luce il proprio figlio. All’improvviso, però, le finestre dalla stanza vanno in frantumi a causa dell’esplosione che in Libano ha provocato più di 130 morti. Il figlio, che ha preso il nome di George, nascerà lo stesso di lì a un paio d’ore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut, il video girato all’interno della base italiana pochi istanti dopo l’esplosione: “Tutto distrutto”

next
Articolo Successivo

Beirut, l’esplosione avrà gravi conseguenze: dopo le sanzioni e l’isolamento, ora il Libano rischia la credibilità

next