Un ultimo contrattempo legato all’asfalto, avvallato a seguito della lunga sosta dei mezzi pesanti per la diretta dell’inaugurazione di ieri, ha ritardato di quattro ore la riapertura al traffico del nuovo viadotto sul Polcevera di Genova: “Ero venuto qui per essere il primo – si sfoga un motociclista che si era riuscito ad aggiudicare la prima fila della lunga coda di giornalisti e curiosi – ora non posso aspettare fino alle dieci di sera”. Così, mentre la Struttura Commissariale ultimava la ri-asfaltatura del tratto deteriorato, una piccola coda di macchine e moto si accumulava a levante e ponente del ponte “Genova San Giorgio”. Il segnale verde dei semafori, alle 22, ha aperto il tratto autostradale a poco meno di due anni dal crollo del 14 agosto e alcuni automobilisti hanno scelto di attraversarlo suonando il clacson, anche se la maggior parte si limitava a guidare e immortalare il momento della riapertura del tratto autostradale restituito nella serata di ieri alla gestione ad Aspi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nitrato d’ammonio, cos’è e come viene usato: ecco perché può provocare un’esplosione

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il viaggio di una mascherina dalla produzione all’uso: il video animato dell’Oms

next