di Gigi Potacqui

Una pandemia mondiale, nell’anno 2020, che stravolge le nostre vite e le abitudini di gran parte dell’umanità. Se qualcuno ce lo avesse detto, avremmo pensato più ad un romanzo distopico che ad una possibile realtà. Invece tutto ciò è accaduto veramente, ci siam ritrovati nel bel mezzo di un’emergenza sanitaria planetaria che di conseguenza ha toccato, inevitabilmente, anche il mondo dello spettacolo, della musica, dello sport.

Tanti eventi in programma nel nuovo anno saltati, molte manifestazioni primaverili ed estive cancellate, altre rimandate a data da destinarsi o posticipate.

E quest’ultimo è il caso della nostra tanto amata Serie A, che dopo più di due mesi di stop forzato per il Covid-19, è ripartita il 20 giugno a suon di “giornate”, una dietro l’altra, “domenica-mercoledì-domenica”, per cercare di concludere entro i primi giorni di agosto il campionato, scombussolando e non poco i programmi e le prestazioni delle squadre. A chi in meglio, a chi in peggio.

E a conti fatti, a risentire di più del lockdown e di questo tour de force è stata probabilmente la Lazio.

I biancocelesti, già fuori dall’Europa League, a marzo erano al secondo posto solitario ad un solo punto dalla Juventus, con la possibilità di gestire al meglio le risorse e i componenti della rosa settimana per settimana, oltre che in forma smagliante e con un morale alle stelle per via della lunga striscia di risultati positivi.

Tutto lasciava presagire ad un duello all’ultimo sangue con i bianconeri di Maurizio Sarri che, pur avendo una rosa più completa rispetto a quella laziale, destava comunque qualche perplessità e in più aveva ancora la Champions League da giocare, particolare non di poco conto.

Invece, il “fermo” del campionato – e il nuovo asfissiante calendario – ha distrutto le certezze di Immobile e compagni, oltre che limitato le loro prestazioni per via anche della rosa corta a disposizione di Simone Inzaghi.

Ne ha invece giovato sicuramente l’Atalanta, un po’ per la sua attitudine fisico-tattica ad approcciare le partite, un po’ per le diverse “carte” da potersi giocare durante i match, vedi Mario Pasalic, Ruslan Malinovskyi e soprattutto Luis Muriel, in alternativa al trio delle meraviglie titolare Papu Gomez-Josip IlicicDuvan Zapata.

L’attaccante colombiano, ex tra le tante di Fiorentina e Siviglia, è stato forse la vera sorpresa di questo campionato.

Più che per le sue qualità, già ben note agli appassionati di calcio, a stupire è stata la continuità e soprattutto la capacità di starsene tranquillo in panchina, accettando il ruolo di “dodicesimo titolare” (guai a ricordarglielo però) e risolvendo spesso le partite da subentrante con perle assolute. 1246 minuti totali giocati, 18 gol segnati (più o meno uno ogni 69 minuti), 11 partendo dalla panchina: se non è un record, poco ci manca…

E se l’Atalanta ha confermato il terzo posto dello scorso anno (ma con 9 punti in più), il merito è anche il suo.

E poi che dire del Milan di Stefano Pioli? Davvero una delle sorprese più gradevoli e inaspettate post lockdown.

Una squadra che sembrava ormai allo sbando, con l’ennesimo cambio preannunciato in panchina già da gennaio (Ragnick era già dato come nuovo allenatore) e con una società confusa e divisa. Poi, due mesi dopo il ritorno in campo, agli occhi di tutti è parso di vedere completamente un’altra squadra.

Il diavolo è rimasto imbattuto per tutte le ultime 12 gare di Serie A in un singolo campionato per la prima volta dalla stagione 1991/92; è stata la squadra che ha segnato più reti (35) nei top-5 campionati europei dopo la sosta forzata ed è stata la seconda squadra a conquistare più punti (30) nei top-5 campionati europei dopo il blocco, dietro solo al Real Madrid neo campione di Spagna (31): tutto questo è valsa la riconferma inaspettata ma meritata di mister Pioli.

Alcuni nomi su tutti? Hakan Calhanoglu e Franck Kessie.

Il turco, grazie anche all’imponente presenza di Zlatan Ibrahimovic, quasi 39 anni e non sentirli, che ha rivitalizzato e guidato tutto l’ambiente con la sua leadership e la sua classe, ha giocato forse il miglior calcio da quando è professionista. Classe, corsa, qualità ma soprattutto tanta personalità che sembrava essere il suo tallone d’Achille: nove gol, nove assist e tanti strappi decisivi.

L’ivoriano invece ha dominato il centrocampo, coadiuvato dal folletto Ismael Bennacer (uno dei pochi che invece aveva già dato segnali prima del lockdown).

Una nota di merito va anche Al danese Simon Kjaer che, arrivato da un personale girone d’andata disastroso con l’Atalanta, ha dato supporto alla giovane difesa rossonera ristabilendo equilibri e sicurezza.

Anche il Napoli di Gennaro Gattuso è ripartita con il piglio e la tigna giusta, conquistando prima la Coppa Italia (che è valsa la qualificazione alla prossima Europa League), poi dando continuità a prestazioni e risultati, anche se le “zone nobili” della classifica, obiettivo iniziale dichiarato del club partenopeo, erano ormai irraggiungibili dopo il mandato “ancelottiano”. Con qualche ritocco e senza smantellamenti, gli azzurri con la passione e la fame inculcata da “Ringhio” possono tranquillamente tornare a lottare per le prime posizioni.

L’Inter di Antonio Conte invece ha avuto un rendimento positivo dopo il blocco del campionato, con una sola sconfitta, quattro pareggi e ben otto vittorie, che gli hanno permesso di conquistare il secondo posto ad una sola lunghezza dalla Juventus. Ma nonostante il miglioramento di risultati rispetto alla scorsa stagione (+13 punti) e il gap accorciato nei confronti dei bianconeri, in casa nerazzurra le acque sono sembrate quasi sempre agitate.

Da una parte ce lo saremmo dovuti aspettare visto il carattere “focoso” del tecnico pugliese che si sa, non ha peli sulla lingua. Ma onestamente, nonostante si può in parte essere d’accordo con alcuni dei suoi concetti espressi durante tutta la stagione, si fa fatica a comprendere le sue “sparate”, per tempistiche e modi.

L’Inter negli ultimi dodici mesi ha aggiunto qualità, quantità, esperienza e fisicità con gli acquisti di giocatori del calibro di Godin, Eriksen, Young, Lukaku e con giovani come Barella, Sensi e Bastoni. La strada tracciata sembrerebbe quella giusta, con i giusti tasselli mancanti e la mentalità “contiana” sempre più inculcata nelle teste dei calciatori, potrebbe davvero ambire allo scudetto il prossimo anno.

Ma l’aria che tira, dovuta in gran parte alle continue dichiarazioni del suo allenatore, non lascia presagire a nulla di buono. E come spesso accade in questi casi, l’ombra di un nuovo allenatore si fa pian piano sempre più ingombrante.

TOP XI di Romanzo Calcistico
a cura di Gigi Potacqui

  • Samir Handanovic Un unico errore, quello contro il Torino, che però non ha inciso sul risultato. Non ne ricordo altri, in una stagione dove la sua porta è stata la meno battuta del campionato e i clean sheet sono stati 13 (uno in meno di Juan Musso, primo nella speciale classifica).
  • Robin Gosens Ok, non gioca terzino in una difesa a quattro ed è sinistro, ma vista la presenza di un altro ottimo terzino mancino e l’impossibilità di tenerlo fuori, lo adatto difensore di destra. Anche perché uno con la sua corsa, la sua forza e il suo senso tattico lo può fare tranquillamente. 10 gol totali, 9 in campionato e 7 assist: una stagione pazzesca per il tedesco classe ’94 e obiettivo di mercato di molti grandi club d’Europa.
  • Theo Hernandez Lui invece è sinistro e ha giocato in una difesa a quattro per tutto il campionato, dando però la sensazione di essere un esterno d’attacco aggiunto. Quarto nella classifica dei duelli vinti (224), primo tra i difensori, oltre ai 6 gol e 3 assist al primo campionato italiano. Una stagione da incorniciare per l’ex Real Madrid, che ha sorpreso tutti per gli strappi coast to coast e la qualità mostrata nelle giocate.
  • Francesco Acerbi Per tre quarti di campionato è stato perfetto, un muro invalicabile. Poi nel finale ha avuto una leggera flessione, come tutta la sua squadra del resto. Ma ciò non cancella la super stagione fatta dal difensore biancoceleste.
  • Stefan De Vrij L’olandese è stato tra i più continui e affidabili del campionato, sommando alle ottime prestazioni difensive anche 4 gol importantissimi. Punto fermo di Antonio Conte che ha fatto a meno un po’ di tutti durante la stagione, tranne che di lui.
  • Rodrigo Bentancur È stato sicuramente il miglior giocatore del centrocampo della Juventus per distacco. Mezz’ala o davanti alla difesa non fa differenza per l’uruguagio, che è ormai diventato un perno imprescindibile della zona mediana bianconera.
  • Luis Alberto Giocatore sublime, un poeta del campo. Anche lui ha sofferto il blocco del campionato, ma è stato per lunghi tratti indubbiamente uno dei grandi protagonisti del grande campionato della Lazio e di tutta la serie A 2019/2020.
  • Alejandro Gomez Trequartista a tutto campo, l’unico libero di svariare e di inventare nelle idee di Gasperini. 16 assist finali, 7 gol e tante magie per l’argentino, che si merita il posto tra i TOP di questo campionato.
  • Ciro Immobile Parlano i numeri per lui: con 36 reti ha eguagliato il record di gol in una singola stagione di Serie A di Gonzalo Higuaín; ha stabilito il record di gol in trasferta in una singola stagione nella storia della Serie A (17); è diventato il sesto giocatore capace di segnare almeno 36 gol in un singolo top-5 campionato europeo nel nuovo millennio, assieme a Ronaldo, Higuain, Ibrahimovic, Messi e Suarez. Ha vinto la Scarpa d’Oro, terzo italiano della storia dopo Toni e Totti. Non serve aggiungere altro.
  • Cristiano Ronaldo come puoi non mettere uno tra i Top XI che segna 31 gol in 33 partite, e che supera i 30 gol in un campionato per l’ottava volta in carriera? Poi, al di là del periodo iniziale poco pimpante, da dicembre è tornato ad essere quell’animale capace di risolvere tante partite, segnando per 11 gare consecutive. Di un’altra categoria, ma lo si sapeva già.
  • Francesco Caputo Avrei potuto mettere Dybala, o Lukaku, avrebbero meritato una menzione anche Duvan Zapata, Muriel, Ilicic, Joao Pedro e l’intramontabile Ibrahimovic, autore di 10 gol e 5 assist in appena diciotto presenze. Ma ho voluto premiare l’audacia e la forza di volontà di un trentatreenne venuto su dalle categorie inferiori, approdato nella massima serie solo due anni fa e capace di segnare in due stagioni ben 37 reti tra Empoli e Sassuolo.

Ed è bello chiudere con il messaggio “veicolato” dal bomber di Altamura, partito dalla Prima Categoria pugliese e arrivato ad essere, con ben 21 gol, il secondo marcatore italiano in una singola stagione di serie A: “Mai smettere di crederci, mai smettere di sognare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, la classifica spiegata dal mental coach – La Juventus vince ma ha molto da lavorare, l’Inter cerca l’equilibrio. Applausi ad Atalanta e Lazio

next
Articolo Successivo

Cristiano Ronaldo, il campione portoghese è “frustrato e stanco della Juventus”: futuro in Francia al Paris Saint-Germain?

next