E’ un bilancio provvisorio, quello che di solito si fa a fine anno prima delle “scritture di assestamento” che servono a trasformare i valori di conto in valori di bilancio, cioè in valori idonei a rappresentare poi la effettiva redditività e il patrimonio dell’azienda.

Manca ancora la scrittura di integrazione relativa all’esito di Barcellona-Napoli di Champions League. Ma finalmente è finito questo campionato, anzi questo calvario. Come dice il mio caro amico Peppe, è durato 12 mesi a causa del Covid ma per noi tifosi del Napoli sembra sia durato 12 anni.

Già dalla prima partita a Firenze erano arrivati i primi segnali negativi con quel rigore di Mertens che “costrinse” il duo Nicchi e Rizzoli ad andare in tutte le trasmissioni televisive a sputtanare l’arbitro per l’errore commesso. Da lì un po’ di errori arbitrali (con rigori negati, in ordine cronologico, contro Cagliari, Brescia, Spal, Atalanta, Genoa, Bologna, Parma e Torino), ma soprattutto gli orrori tecnici, tattici e di gestione dello spogliatoio di Carletto Ancelotti che lo scorso campionato ha mandato via Hamsik – che tra l’altro voleva trasformare in centrocampista centrale (e a gennaio ne abbiamo dovuto comprare due) – che quest’anno non si è accorto che mancasse un vice Allan, che Ghoulam non fosse in grado di giocare, che il 4-4-2 fosse veleno per questa rosa, che con due mezze ali eravamo vulnerabili, che Manolas e Koulibaly insieme erano limitati, che il turnover eccessivo e il cambio ruolo a quasi tutti i calciatori non facesse altro che distruggere l’identità di una squadra arrivata seconda un anno prima.

E mettiamoci dentro anche qualche “fuoriuscita” estemporanea del presidente e la vigliaccata dei calciatori che si rifiutarono di andare in ritiro dopo il match con il Salisburgo. Un campionato disastroso.

Meno male che è finito e che è arrivato Rino Gattuso, determinante per inserire una Coppa Italia in bacheca. Dovesse andar bene a Barcellona, poi, il bilancio complessivo necessiterebbe di una integrazione di enorme valore.

Infine una riflessione sullo sdoganamento della parola “terrone” che da insulto tout-court è diventato, per noi meridionali, come dice Massimiliano Gallo su Il Napolista, un termine da esibire anche con orgoglio e simpatia. Tanto a ripeterla erano sempre i soliti “quattro cretini”.

“Fino a che, meno di un mese fa, sulla scena non è apparso Mirco Moioli (team manager dell’Atalanta) che ha apostrofato terrone del c** un presunto tifoso del Napoli che all’aeroporto di Torino – vigilia della sfida con la Juventus – ricordava a Gasperini la scarsa combattività che storicamente l’Atalanta ha sempre mostrato con i bianconeri. L’abbiamo detta con garbo. Mentre Gasperini si è limitato a mandare il soggetto a quel paese, Moioli gli ha dato del terrone.
Il dirigente si è scusato. La Procura Figc ha aperto un’inchiesta che per ora non ha dato risultati. Poi, non se n’è saputo più niente. Neanche chi fosse il tifoso. Il ‘terrone’ è rimasto appeso. Poi è successo nuovamente. L’altra sera, al San Paolo, all’origine del parapiglia tra Gattuso e la panchina della Lazio, ancora una volta un ‘terrone’, stavolta ‘di merda’. Che un collaboratore di Inzaghi ha rivolto proprio a Gattuso, che non ha gradito”.

Rilancio con una provocazione che non deve suscitare lo scandalo dell’Italia finto-bacchettona.
Se chiamare qualcuno terrone non è solo un fatto limitato “a quei quattro cretini” (che poi sono migliaia) ormai assurti a icona del minimalismo mediatico, se l’epiteto è ripetuto come offesa anche da rappresentanti della borghesia del nostro paese come i quadri intermedi di aziende come quelle di Atalanta e Lazio, se il vetusto richiamo alla terronia è divenuto un insulto impunibile, se i media non invocano ad alta voce una giustizia costituzionale (art.3)… allora dai, non scandalizzatevi se a qualcuno tra poco scapperà il deprecabile “covidoso”.

Alla informazione mainstream l’approfondimento del tema importa poco. E non si offenda il direttore De Bortoli con il quale ho avuto una piacevole conversazione circa un mese fa (dopo l’intervista a Huffinghton Post) e, in generale, i settentrionali che stimo ed ammiro. Saranno gli stessi “quattro cretini”, eccetera, eccetera, eccetera…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Milan tra addii e arrivederci. Dicono che Ibra resti, sarebbe vitale per la prossima stagione

next