Il campionato è finito, il prossimo è praticamente già cominciato. È uno degli effetti collaterali del coronavirus e della sua gestione da parte dei padroni del pallone: la FederCalcio ha fatto di tutto per far ripartire e concludere una stagione che non aveva più senso, se non quello di incassare i soldi dei diritti tv e mandare avanti il “sistema”. L’obiettivo è stato raggiunto, il presidente Gabriele Gravina ne rivendica giustamente il merito, ma adesso si accorge che così rischia di “saltare” anche la prossima stagione. La Serie A ripartirà ufficialmente il 19 settembre, con l’ombra del Covid, dei playoff e delle porte chiuse. I campionati minori sono ancora più in difficoltà.

IL PIANO (RESPINTO) DI GRAVINA PER I PLAYOFF E I DIRITTI TV – Inizialmente la Serie A avrebbe voluto ripartire prima, già il 12 settembre: visto che i tempi saranno comunque troppo ristretti per fare un vero ritiro, visto che c’è la finestra delle nazionali a inizio mese, inutile aspettare. Questo piano però nelle ultime settimane ha incontrato delle resistenze. A farsene portavoce, un po’ a sorpresa, è stato proprio il numero 1 della Figc Gravina: “Mi sembra poco percorribile, non è un problema di una settimana ma di mettere insieme gli impegni”. Lo stesso presidente che non vedeva l’ora di giocare il vecchio campionato ora vorrebbe rinviare il nuovo.

Non è una questione di date, ma di visione. Una ripartenza tarda, diciamo da ottobre in poi, si sarebbe legata a un più ampio progetto di riforma del campionato: con gli Europei all’orizzonte e la necessità di chiudere a maggio, l’unica soluzione sarebbero stati i famosi playoff, vecchio pallino che il presidente federale aveva già provato a imporre durante il lockdown e su cui è nato un asse col patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. La conferma l’ha data proprio il diretto interessato: “Con la Figc stiamo provando a percorrere la strada dei playoff e dei playout per spezzare la continuità penalizzante degli ultimi 9 anni”. De Laurentiis pensa alla Juventus, che sarebbe senz’altro più facile da battere in gara secca, Gravina a un campionato più appetibile, anche e soprattutto per i diritti tv. La Serie A non ne ha mai voluto sapere e anche stavolta ha rispedito la proposta al mittente: nessuna forzatura, il consiglio federale approverà la ripartenza per il 19. L’ultima giornata è il 23 maggio, margini di manovra minimi: al primo imprevisto, il progetto tornerà d’attualità.

STADI, IL GOVERNO ANCORA NON RIAPRE LE PORTE – Ossessionato da diritti tv e interessi vari, il calcio italiano non è ancora riuscito a risolvere i suoi veri problemi in vista della prossima stagione. Il principale è quello degli stadi chiusi. In realtà, almeno su questo non si può dire che non ci abbia provato. La Lega Calcio ha preparato un lungo dossier che punta a una capienza del 30-40% del totale per far tornare gli spettatori negli impianti. Il ministro Spadafora, mai tenero col calcio, insiste sulla sua linea “prima pensiamo alle cose più importanti, poi al pallone”.

E anche il comitato tecnico-scientifico, nonostante tante altre attività siano riprese a pieno regime, fin qui resta molto rigido sulle riaperture sportive, come dimostra il ‘no’ appena rifilato alla FederTennis per gli Internazionali del Foro Italico (in calendario a settembre). Per il sistema è un danno enorme, anche se non tutti i presidenti sembrano davvero preoccupati: qualcuno punta a non pagare l’affitto degli impianti anche nella prossima stagione, del fatto che così le partite siano quasi inguardabili si interessano meno.

I DILETTANTI DIMENTICATI – Se la Serie A già corre verso la prossima stagione, tra mille incognite, i campionati minori se la passano peggio. I playoff di Serie B si concluderanno solo il 20 agosto e la terza promossa avrà appena un mese per prepararsi al salto di categoria. In Serie C la mancanza di spettatori e le regole troppo rigide previste dal protocollo attuale rischiano di essere un ostacolo insormontabile. I Dilettanti, invece, sono stati semplicemente dimenticati: ad oggi sono fermi al protocollo federale dello scorso 5 giugno, che consente la ripresa degli allenamenti ma non l’organizzazione di campionati. “Ci sono 12mila società e un milione di calciatori e calciatrici che attendono di sapere se alla fine dell’estate si riprenderà a giocare e in che modo”, ha dichiarato il numero 1 della Lnd. Alcune Regioni, come il Friuli, hanno emanato ordinanze per autorizzare anche l’attività non professionistica, ma non basta. Serve un protocollo sanitario unico e servono delle regole che necessariamente non potranno essere quelle per la ricca Serie A, dove tra tamponi e sanificazioni una gara costa decine di migliaia di euro. La Figc in effetti si è già attivata per provare a cambiarle: così i club di Serie A spendono troppo. È quello il problema.

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio Conte ora fa marcia indietro? “Ho sposato un progetto triennale con l’Inter”. E sul ritorno alla Juve annuncia querele

next
Articolo Successivo

Kitikaka – Il Lecce è retrocesso in Serie B ma a Telerama la penitenza è gioia

next