“Sono passati 40 anni da quel torrido sabato di agosto e finalmente le speranze di ottenere una completa verità sull’episodio più atroce della storia del nostro Paese cominciano a realizzarsi. Ciò è stato possibile grazie al lavoro attento e meticoloso svolto dalla Procura Generale di Bologna che, seguendo il denaro di Licio Gelli, Maestro venerabile della Loggia Massonica P2, e analizzando la mole di documenti digitalizzati è arrivata a quelle conclusioni”. Lo ha detto il presidente dell’Associazione dei familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980, Paolo Bolognesi, in apertura del discorso pronunciato in Piazza Maggiore in occasione del quarantesimo anniversario. Bolognesi ha ribadito il sostegno dei familiari ai magistrati che indagano. “Noi qui oggi vogliamo dire grazie. Mai, mai, mai sarete lasciati soli”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Bologna, familiari delle vittime: “Sconvolgente trattamento di favore a Mambro e Fioravanti. Spesso sui media sono come star”

next
Articolo Successivo

Dalla demolizione del Morandi di Genova al nuovo viadotto San Giorgio: due anni di lavoro in due minuti

next