Un carabiniere fuori servizio è stato aggredito e picchiato da un gruppo di giovani dopo essere intervenuto per sedare una lite la scorsa notte a Castellammare di Stabia (Napoli). Il militare, un appuntato 37enne effettivo alla stazione di Gragnano, stava passeggiando con la moglie e alcuni familiari quando è intervenuto per sedare una lite che stava degenerando in rissa tra alcuni ragazzi, nata dopo un incidente tra due scooter. Il militare è stato improvvisamente aggredito da alcuni dei giovani coinvolti nella rissa, che lo hanno investito con lo scooter e colpito ripetutamente con calci, pugni, con un casco e una sedia. Uno dei suoi familiari è riuscito a far allontanare i giovani, che sono scappati facendo perdere le loro tracce.

I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno successivamente individuato e arrestato quattro persone ritenute responsabili dell’aggressione. Sono tre maggiorenni (di 27, 22 e 19 anni, di cui due pregiudicati) e un minorenne (di 17 anni): oltre alla testimonianze, anche le telecamere di sorveglianza li hanno ripresi mentre colpivano il militare fino a farlo svenire. E’ stato arrestato anche un 42enne: le telecamere lo hanno ripreso mentre rubava il borsello al militare mentre era riverso in strada. Il carabiniere è stato portato all’ospedale San Leonardo di Castellammare, dove è stato giudicato guaribile in 25 giorni. Indagini sono in corso da parte dei Carabinieri per identificare gli autori dell’aggressione.

Le immagini sono state pubblicate da alcuni cittadini presenti sui social network

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alta velocità, stop ai treni con il 100% dei posti: Speranza firma ordinanza che obbliga al distanziamento anche sui mezzi di trasporto

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati: calano i nuovi casi, sono 295 nelle ultime 24 ore. Altre 5 vittime

next