Migliaia di persone si sono radunate a Berlino per manifestare contro le restrizioni imposte per il Covid-19 in quella che è stata definita come ‘La fine della pandemia – giornata della libertà’. Il corteo è partito dalla Porta di Brandeburgo e i manifestanti, solo pochi con mascherine protettive, hanno esposto cartelli fatti in casa con slogan come: “Corona, falso allarme”, “Siamo costretti a indossare la museruola” e “Difesa naturale invece della vaccinazione”. Alcuni hanno cantato “Siamo qui e siamo rumorosi, perché veniamo derubati della nostra libertà”. Le manifestazioni contro le restrizioni hanno attirato una varietà di persone, tra cui alcuni teorici della cospirazione e populisti di destra. Molti dei manifestanti sono arrivati da varie parti della Germania per prendere parte al corteo di oggi. La gestione della pandemia da parte della Germania è stata considerata come relativamente riuscita, con un tasso di mortalità inferiore rispetto a paesi comparabili per numero di infetti. Il paese ha allentato le misure di blocco dalla fine di aprile, ma restano in vigore regole di distanziamento sociale, così come l’obbligo di indossare mascherine a bordo dei trasporti pubblici e nei negozi. Le cifre relative all’infezione sono aumentate nelle ultime settimane e i funzionari hanno messo in guardia contro l’abbassamento della guardia da parte dei cittadini

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, due ragazzini picchiati e derubati. Poliziotti condannati per violenza, falso e appropriazione indebita

next
Articolo Successivo

“Vaccino gratis per tutti a ottobre”: in Russia aumentano i casi di coronavirus e il governo promette un piano in tempi record

next