Non tutti i colpevoli di questo reato sono stati sottoposti a giudizio”. Lo ha detto l’avvocato Antonio Ingroia durante il suo intervento nel processo “‘Ndrangheta stragista” impegnato ad assistere, come parte civile, i familiari dei carabinieri Fava e Garofalo, uccisi il 18 gennaio 1994. Per quell’agguato sono imputati boss Giuseppe Graviano e Rocco Santo Filippone con l’accusa di essere i mandanti del duplice omicidio. “Credo che una verità, non ancora tutta, ma una verità vera in questo processo si è acquisita – ha affermato l’ex magistrato di Palermo – Noi sappiamo che i due odierni imputati non sono gli unici colpevoli. Anzi, ci sono altri colpevoli, probabilmente e a mio parere certamente, in misura più grave. Altri colpevoli che non sono mai stati indagati o processati”.

“La verità piena – ha aggiunto Ingroia – è soprattutto legata alla decisione eventuale di Graviano di fare piena luce su questi fatti e sulla strategia stragista, oscura e sanguinosa, che ha interessato il biennio 92-94, e che ha condizionato il ventennio venuto dopo e le sorti politiche del Paese”. A margine dell’udienza, Ingroia ha ribadito che “Graviano e Filippone erano i rappresentanti di un mondo, di Cosa Nostra e ’Ndrangheta, che ha ordinato di commettere questi omicidi dei carabinieri dentro una strategia più ampia concordata con altri. Sarebbe comprensibile che ne consegua un’indagine bis però deciderà ovviamente la procura di Reggio Calabria. Graviano ha dato degli input molto chiari. Io ho fatto un vero e proprio appello a Graviano che si lamenta di essere stato usato e poi gettato via. Per evitare che questo accada, il pallino è nelle sue mani: dica la verità e potrà cambiare la storia”. E se Graviano dovesse pentirsi, in Italia che succederebbe? “Un terremoto di proporzioni colossali”, è stata la risposta di Ingroia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rogo ThyssenKrupp, pena sospesa per un manager: ha fatto ricorso. Famigliari vittime: “Offesa all’Italia”

next
Articolo Successivo

Omicidio Cerciello Rega, l’ordine di servizio vuoto. Un maresciallo a Varriale: “Non ne parlare con nessuno, vieni e lo compiliamo”

next