“Questo progetto che noi tutti definiamo ‘intenso’ mi sembra che in qualche maniera elevi la dignità dell’uomo e renda onore a tutti coloro che hanno lavorato nella realizzazione di tali capi”. Con queste parole l’imprenditore ‘illuminato’ Brunello Cucinelli commenta l’iniziativa della sua azienda che ha deciso di donare ‘all’umanità’ i capi di abbigliamento che, a causa dell’interruzione temporanea delle vendite per l’emergenza Covid, si trovano ancora nelle boutique di tutto il mondo. Il valore totale stimato di questi capi è di 30 milioni di euro e tutti riporteranno l’etichetta indelebile con la scritta “Brunello Cucinelli for Humanity“.

“Sarebbe per me un vero piacere – prosegue – se questo gesto simbolico fosse accettato come segno augurale verso un nuovo e duraturo tempo nuovo. Questo è il pensiero che ci ha guidati; da diversi filosofi occidentali e orientali abbiamo appreso che non esiste il male assoluto come non esiste il bene assoluto. C’è sempre un po’ di bene nel male e sempre un po’ di male nel bene ed entrambi ci sono maestri”.
I capi donati sono stati definiti dallo stesso Cucinelli una sorta di “amabile risorsa” per l’umanità. L’azienda, per l’occasione, ha costituito un vero e proprio Consiglio a sostegno dei cittadini del mondo composto da dieci persone che avrà il compito di gestire questa importante quantità di abiti e accessori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come prepare la pelle al primo sole, dopo i lunghi giorni chiusi in casa per il lockdown

next