Ha sentito un rumore provenire dal piano di sotto della sua casa ad Aspen, Colorado. Così Dave Chernosky, 54 anni, è sceso per controllare: “Ero addormentato ma un rumore in cucina mi ha svegliato. Ho capito subito che c’era qualcosa che non andava”, ha raccontato a Good Morning America. Arrivato al piano di sotto, ha visto chi stava facendo quei rumori: un gigantesco orso bruno di più di 200 chili. “Era davanti al frigo e alla credenza”, ha detto l’uomo. A quel punto, Dave ha detto ai componenti della famiglia di restare dove si trovavano e ha cercato di attirare l’animale in garage, per farlo uscire da quella parte. Ma quando sembrava a un passo dalla riuscita dell’impresa, l’orso ha visto la porta del garage aprirsi e in preda al panico ha attaccato Dave. “Pensavo di essere morto – ha detto il 54enne alla ABC11 – come se un mattone mi avesse colpito in testa. Quando ho iniziato a urlare, lui è fuggito: non voleva davvero me, per questo se n’è andato”. Chernosky ha chiamato il 911 ed è stato portato prima all’ospedale Aspen Valley e poi St. Mary’s a Grand Junction. Ora ha gravi ferite sulla faccia e sul collo. Secondo i responsabili del Colorado Parks and Wildlife l’orso è stato trovato e abbattuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Il caso delle imprese di pompe funebri in crisi: “Gli anziani che normalmente sarebbero deceduti sono ancora vivi”

next