È morto a 49 anni Grant Imahara, il conduttore televisivo statunitense volto noto del programma di Discovery Channel “Mythbusters”. Secondo quanto riferisce Hollywood Reporter è stato stroncato da un aneurisma cerebrale. “Ci si è spezzato il cuore nell’apprendere la triste notizia della morte di Grant”, ha fatto sapere un portavoce di Discovery Channel al sito Tmz. “Era una parte importante della famiglia di Discovery e un uomo meraviglioso. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alla sua famiglia”.

Imahara era nato a Los Angeles da una famiglia di origini giapponesi. Si era laureato in ingegneria elettronica e poi si era specializzato nella realizzazione di effetti speciali per il cinema. Prima di approdare in tv, aveva lavorato per diversi anni per la Lucasfilm, la società di produzione di George Lucas. Nel 2004 aveva iniziato a lavorare al programma “Mythbusters“, condotto da Adam Savage and Jamie Hyneman, che si occupa di provare la validità di miti e leggende urbane. Insieme a Kari Byron e Tory Belleci formava il cosiddetto “Build Team”, che aveva il compito di lavorare separatamente da Savage e Hyneman per sfidarli. Dopo aver lasciato la serie nel 2014, insieme a Byron e Belleci aveva presentato la serie di Netflix White Rabbit Project.

Abbiamo vissuto così tante avventure. Mi hai insegnato tanto”, ha scritto Kari Byron su Twitter pubblicando una loro foto insieme. “Non ho parole. Grant era un brillante ingegnere, artista e performer”, si legge invece in un tweet di Adam Savage. “Mi mancherà il mio amico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

George Clooney, la confessione su Elisabetta Canalis anni dopo la rottura: “Ciò che non sapete su di lei”

next
Articolo Successivo

Amici, la chemioterapia non ferma Cassandra: la sua esibizione dall’ospedale Cardarelli fa il giro del web – Video

next