Fabrizia Carminati, volto Mediaset anni ’80, è da un pezzo lontana dalle scene. L’ha raggiunta telefonicamente Giovanni Terzi per Libero e la chiacchierata con il volto di Help tutto per denaro si è rivelata ricca di sorprese e di rivelazioni. “Erano anni meravigliosi ed io sono stata veramente fortunata ad averli vissuti professionalmente”, ha raccontato Fabrizia. E oggi? “Innanzitutto mi occupo di mio marito, che per troppo tempo ho trascurato, e di mio figlio Massimiliano; entrambe le cose mi danno enormi soddisfazioni. Due anni fa ho smesso di lavorare per Primantenna una rete privata, dove facevo un programma di cucina”. Carminati racconta di come fu Mike Bongiorno a sceglierla per Canale58: “Ero arrivata a Milano 2 con la mia 500 e non avrei mai immaginato di firmare il mio contratto con Silvio Berlusconi”. E non ha dubbi quando Terzi le chiede, diretto, se ebbe una relazione con Berlusconi: “Assolutamente sì. È un uomo affascinante ed galante. Veniva sempre ad ogni registrazione che facevo e poi ci portava tutti fuori a mangiare allo Sporting di Milano 2 alla sera. Era piacevole, intelligente e si metteva a cantare e suonare al pianoforte. Furono anni irripetibili”. La storia tra i due finì perché, stando alla versione Carminati, una sera andarono insieme teatro e l’attrice protagonista dello spettacolo era Veronica Lario. Il resto è storia ma Fabrizia ha un “bel ricordo” di Berlusconi. La sua sparizione dalle scene la commenta così: “Non l’ho mai capito! Iniziavo a chiamare la Ruffini e altre persone di Mediaset ma tutte mi rispondevano nello stesso modo…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

“È stato Elon Musk a picchiare Amber Heard, non Johnny Depp”: le rivelazioni di due testimoni nel processo

next
Articolo Successivo

Naya Rivera, ritrovato il corpo nel lago Piru: le immagini del recupero dall’alto

next