Se c’è un maestro di autoironia quello è senza dubbio Cristiano Malgioglio. Che in vacanza ha vissuto una brutta avventura. “Io alle prese con delle oche… mai viste così aggressive. Porto da mangiare, ma loro non mi lasciano entrare nel loro habitat. In poche parole sono stato aggredito e beccato”. Così inizia a raccontare Cristiano su Instagram, postando anche un video che documenta l’accaduto. “Bambole, bambole”, chiama all’inizio del filmato il paroliere. E le oche arrivano. Ma… “Sono addirittura scivolato nel loro laghetto facendomi male a un braccio e la mia povera gamba beccata in vari punti. Urla disperate , mentre i miei due amici ridevano come pazzi. Deficienti totali“, continua Maglioglio. Che non ha intenzione di concedere agli animali incontrati una seconda possibilità: “Le oche non mi vedranno mai più. Forse da lontano. Cose che capitano. Si dice che loro lasciano entrare solo gli uomini. Forse io avevo qualcosa di femminile? Boh! Non lo so. So soltanto che ho il braccio, le gambe e la natica doloranti”.

Visualizza questo post su Instagram

Io alle prese con delle oche …mai viste così aggressive. Porto da mangiare, ma loro non mi lasciano entrare nel loro habitat. In poche parole sono stato aggredito e beccato . Non solo…ma sono addirittura scivolato nel loro laghetto facendomi male a un braccio e la mia povera gamba beccata in vari punti. Urla disperate , mentre i miei due amici ridevano come pazzi. Deficenti totali. Le oche non mi vedranno mai più. Forse da lontano. Cose che capitano. Si dice che loro lasciano entrare solo gli uomini . Forse io avevo qualcosa di femminile. ? Boh ! Non lo so. So soltanto che ho il braccio ,le gambe e la natica dolorantI @isaechia @lanostratvit @trash_universale @trash_nazionale_ @ghetto_trash @vip_erissima @lorenzo.piredda

Un post condiviso da Cristiano Malgioglio (@cristianomalgioglioreal) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kate Middleton confessa: “Avrei tanto voluto essere aiutata nei primi mesi con George”

next
Articolo Successivo

Bruno Vespa: “Ecco la donna che ha turbato i miei sogni da ragazzo”

next