“Ho fatto un errore. Pensavo che questo virus fosse una truffa, ma mi sono sbagliato“. Queste sono le ultime parole dette prima di morire da un ragazzo di trent’anni a un’infermiera del Methodist Hospital di San Antonio, in Texas, che lo stava curando. Il giovane aveva partecipato a uno dei cosiddetti “Covid party”, le feste organizzate in aperta violazione delle norme di sicurezza apposta per contagiarsi con il coronavirus: c’è chi vi partecipa nella (falsa) convinzione di ottenere così l’immunità e chi, invece, perché crede che il virus sia una bufala, come appunto il giovane in questione.

Per questo Jane Appleby, dottoressa del Methodist Hospital ha lanciato un appello online invitando i giovani a non partecipare ai “Covid-party” e spiegando come solo nel suo ospedale diversi pazienti tra i 20 e i 30 anni siano attualmente ricoverati per complicazioni legate al Covid-19: “L’idea della festa è riunirsi e vedere se il virus è reale e se qualcuno dei presenti viene contagiato – ha dichiarato il medico -. Nessuno di noi e’ invincibile. Per favore, indossate le mascherine, restate a casa quando potete, evitate gli assembramenti e lavatevi spesso le mani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sherlock Holmes, per la prima volta va all’asta il manoscritto autografo di una delle storie create da Conan Doyle. Ecco quanto costa

next
Articolo Successivo

Il pipistrello gigante “a misura d’uomo”? Esiste davvero: ecco di cosa si tratta. Le immagini del mammifero che hanno fatto il giro dei social

next