È morta sabato a 24 anni Nicole Thea, la ballerina e influencer londinese diventata molto famosa sui social per i video con cui su YouTube raccontava l’esperienza della sua gravidanza. Con lei è deceduto anche il figlio che aveva in grembo, Reign, come aveva deciso di chiamarlo. A dare la notizia della sua scomparsa è stata la madre con un post pubblicato sui suoi profili social, ma senza precisare le cause della morte. “È con grande tristezza che devo informarvi che Nicole e il figlio che lei e Boga aspettavano, Reign, sono morti tristemente sabato mattina”, ha scritto la madre.

Per volontà della stessa famiglia, i video già programmati su youtube e sui social non verranno bloccati ma continueranno ad essere pubblicati nei prossimi giorni: l’ultimo è stato pubblicato domenica, quando lei era già morta.

Negli ultimi video di Nicole si vedevano Boga e i suoi fratelli che passavano in rassegna gli abiti premaman e gli abitini per il piccolo ma anche la preparazione della borsa da portarsi in ospedale per il parto. Thea aveva diversi partner pubblicitari per i suoi contenuti social, nonché una linea di gioielli e ciglia finte chiamata The Thea Kollection. La sua morte è arrivata all’improvviso, lasciando i suoi fan addolorati e senza parole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Cecilia Rodriguez e gli auguri piccanti alla suocera: scoppia la polemica. “Vergogna, che schifo”

next
Articolo Successivo

Linux proibisce alcuni termini nei linguaggi di programmazione dei computer: niente più ‘master’, ‘slave’ e ‘blacklist’ nei codici

next