“Non importa da dove veniamo o quanto guadagniamo, l’unica cosa che conta è che noi cubani siamo sempre pronti ad andare al fronte quando serve per salvare delle vite”. Julio Guerra Izquierdo è il capo della brigata Henry Reeve, trentotto medici cubani che per oltre cento giorni hanno lavorato al Covid Hospital dell’Asl Città di Torino allestito alle Ogr. Dopo aver curato centosettanta pazienti, oggi la brigata ha ricevuto l’abbraccio dei torinesi in un pranzo collettivo organizzato dall’Agenzia per l’interscambio culturale ed economico con Cuba. “È accaduto che il “terzo mondo” è venuto a salvare il primo mondo. Questa è la lezione più grande, noi salviamo vite”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, risalgono i contagi: 234 nuovi casi, altri 9 morti (di cui 8 in Lombardia). Continua a diminuire il numero dei tamponi

next
Articolo Successivo

Coronavirus e rischio casi ‘importati’. Ippolito: “Per i passeggeri provenienti da zone a rischio il test va fatto subito, anche in aeroporto”

next