“Ho vissuto momenti di forte preoccupazione, di angoscia, di incertezza. Ci sono state fasi in cui non avevamo contezza di come si sarebbe sviluppata la curva epidemiologica, momenti in cui avevamo difficoltà a tenerla sotto controllo. È stata una sfida molto insidiosa ed in parte lo è ancora, anche se ora ci siamo meglio attrezzati e la risposta del sistema sanitario sarà più pronta in caso di cattive evenienze”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte intervenendo in occasione organizzata dalla Polizia di Stato a piazza del Viminale per ricordare le vittime del Covid e ringraziare il personale sanitario. “Sappiamo – ha spiegato – che con alcune regole precauzionali possiamo affrontare la stagione estiva con relativa tranquillità e non c’è stato mai un momento in cui non ho pensato che le nostre istituzioni non reggessero la prova, anche perché la Polizia è un corpo solido con donne e uomini che sanno fare il loro lavoro. Tutto il Paese ha risposto, anche i cittadini che nella stragrande maggioranza dei casi sono rimasti a casa”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca: “Su riparto fondo sanitario nazionale farò la guerra termonucleare. Misurerò la coerenza di tutti, a cominciare dal Pd”

next
Articolo Successivo

Beppe Grillo sostiene Virginia Raggi con un testo in romanesco: “Roma non ti merita”

next