La musica composta da Ennio Morricone “era insolita e interessante, forse la parola più adatta è che era una novità quello che aveva fatto per quel tipo di film. Ma anche quando faceva altre cose vedevi quanto fosse versatile e quanto speciale fosse la sua musica”. Lo spiega l’attore Robert De Niro in un’intervista a La Repubblica nella quale rimarca che “quello che riuscì a fare per Sergio Leone fu di comporre qualcosa di davvero nuovo per quel tipo di produzioni”.

De Niro, che ha recitato in quattro film per i quali Morricone ha composto le colonne sonore, ‘Novecento’ di Bernardo Bertolucci del 1976, ‘C’era una volta in America’ di Sergio Leone (1984), ‘Mission‘ di Roland Joffé (1986) e ‘Gli intoccabili‘ (1987) di Brian De Palma, sottolinea che “quando Ennio ha fatto la musica per ‘Mission’ e ‘C’era una volta in America’ ho pensato quanto fosse meravigliosa, era sempre veramente speciale. Era un musicista così particolare”. Della musica che Morricone ha creato per gli ‘spaghetti western’, De Niro apprezza soprattutto il fatto che “era insolita e interessante, forse la parola più adatta è che era una novità quello che aveva fatto per quel tipo di film. Ma anche quando faceva altre cose vedevi quanto fosse versatile e quanto speciale fosse la sua musica”.

A De Niro piacciono in particolare le “musiche che ha composto appunto per ‘Mission’ e ‘C’era una volta in America’, le altre non le ascolto da tanto tempo ma ogni tanto, quando mi capita di sentirle, mi ritrovo affascinato e trascinato dalla sua musica. Era un musicista davvero speciale, amato qui in America come in Italia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il principe Harry è andato di nascosto a casa di una donna molto famosa, Meghan Markle su tutte le furie”

next
Articolo Successivo

Harry e Meghan all’attacco: “Il Regno Unito faccia i conti con il suo passato e rimedi agli errori”

next