L’associazione Pro-choice, rete italiana contraccezione e aborto, è scesa in piazza, davanti al ministero della Salute a Roma, per chiedere l’interruzione di gravidanza farmacologica in day hospital e la contraccezione sicura e gratuita. ”Abbiamo raccolto più di 80mila firme per chiedere di applicare l’articolo 2 della legge 194, quello sulla contraccezione gratuita – dichiara Marina Toschi, ginecologa della Rete umbra per l’Autodeterminazione e della Rete Pro-choice – in Italia tutto è a pagamento, la spirale ad esempio è arrivata a costare fino a 300 euro.” Dopo la manifestazione del 21 giugno a Perugia, quindi, le donne fanno sentire di nuovo la loro voce, per rivendicare il diritto alla scelta. ”L’occasione è stata la decisione della Regione Umbria di dare la pillola abortiva, la RU 486, solo con ricovero di tre giorni – afferma Elisabetta Canitano, ginecologa e presidente dell’associazione Vita di Donna della Casa Internazionale delle donne della capitale – l’Italia è l’unico Paese europeo dove non è possibile accedere liberamente alle scelte riproduttive.” Durante il presidio le firme raccolte sono state consegnate al ministero della Salute

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

La Spezia, preso a pugni per un bacio alla stazione: coppia gay aggredita alle Cinque Terre. Indagano i carabinieri

next