Volvo sta richiamando 2,18 milioni di auto in tutto il mondo, per problemi alle cinture di sicurezza. Un fatto decisamente inusuale per la casa svedese, che ha fatto proprio della safety la propria bandiera industriale e commerciale. E per la quale si tratta del più grande richiamo in 93 anni di storia dell’azienda.

Il provvedimento riguarda diversi modelli, tra cui la prima generazione del suv best seller XC60. Oltre a questo, sono coinvolti S60, S60L, S60CC, V60, V60CC, V70, XC70, S80 e S80L, tutti prodotti tra il 2006 ed il 2019. I cui proprietari verranno contattati via lettera o mail entro questo mese, nonché invitati a recarsi nei concessionari locali Volvo per la riparazione programmata.

Intervento che prevede la sostituzione con una staffa fissa di un cavo flessibile d’acciaio (entrambi prodotti dal fornitore svedese Autoliv), che in condizioni estreme potrebbe usurarsi e compromettere così la capacità di ritenuta delle cinture di sicurezza anteriori.

“Una soluzione robusta, in grado di eliminare il rischio che il problema si verifichi di nuovo in futuro”, hanno spiegato dalla casa svedese. Precisando anche che si tratta di una misura preventiva, dal momento che non sono stati segnalati incidenti o lesioni imputabili all’inconveniente tecnico.

Per quanto riguarda, infine, i mercati più interessati dal richiamo, va detto che il paese più colpito è la Svezia, con oltre 400 mila vetture. Seguita da Stati Uniti (300 mila), Cina (250 mila), Germania (178.000) e Regno Unito (169.000).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Mercato auto Italia, la tendenza non si inverte: a giugno immatricolazioni a -23%

next