Marco Dianda ha 33 anni e si occupa di bambini da 0 a 3 anni a Spianate, in provincia di Lucca. Ha una laurea triennale in Scienze del servizio sociale, un master di primo livello in Coordinamento pedagogico di nidi e sta per iscriversi alla magistrale in Comunicazione d’impresa politica a Pisa. Su Facebook ha raccontato di aver ricevuto da un genitore un commento omofobo: “È un bravo educatore, ma è finocchio“. Dianda, che per ragioni economiche ha deciso di prendersi una pausa dall’insegnamento, ha precisato che “la maggior parte di mamme e papà mi hanno dato emozioni e si sono fidati di me“, però “per alcuni non avrei mai dovuto fare il mio lavoro. E la causa è proprio l’orientamento sessuale. Essere omosessuale – ha aggiunto – non significa né essere un maniaco né essere un pedofilo”. In un video – che vi proponiamo – Dianda ha ribadito alcuni concetti legati alla propria sessualità e all’educazione dei bambini ma, soprattutto, ha ringraziato le persone che gli hanno dimostrato vicinanza e solidarietà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti metro Milano, il direttore generale di Atm: “Stiamo rescindendo tutti i contratti con le aziende coinvolte nell’inchiesta”

next