I virus con “potenziale pandemico” sono “molti”, tenuti sotto controllo in questi anni “da una rete di sorveglianza globale sull’influenza”. Tra questi c’è anche A/H1N1pdm09, individuato in Cina, veicolato dai maiali e che può infettare l’uomo. Ma Mike Ryan, capo del programma per le emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità, in conferenza stampa a Ginevra, sottolinea che non si tratta di un “nuovo virus“: al contrario, è sotto osservazione “dal 2011”. Nel corso del consueto incontro con la stampa è intervenuto anche il direttore dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, che ha fatto il punto sulla pandemia: ha ricordato che “il 60% di tutti i casi finora è stato registrato solo nell’ultimo mese” e che a oggi i casi di contagio sono più di 10,3 milioni e 506mila i morti causati da Covid. Ha anche elogiato la gestione della crisi da parte di Italia e Spagna, che sono stati epicentro della pandemia, ma “hanno riportato la situazione sotto controllo con una combinazione di leadership, umiltà, partecipazione attiva di ogni membro della società e un approccio globale. Entrambi i paesi hanno affrontato una situazione scoraggiante, ma l’hanno capovolta”.

I casi virtuosi di Italia e Spagna – Per il direttore dell’Oms rappresentano due esempi vincenti di gestione dell’emergenza, poi alleviata dopo settimane di crisi. “A marzo, l’Italia e la Spagna erano l’epicentro della pandemia di Covid-19. Al culmine della loro epidemia, la Spagna registrava quasi 10mila casi al giorno e l’Italia più di 6.500 – ha spiegato -. Una delle lezioni di questa pandemia è che, indipendentemente dalla situazione in cui si trova un paese, può essere cambiata. Non è mai troppo tardi”. Quello che preoccupa, invece, sono i Paesi che hanno utilizzato un “approccio frammentato” senza utilizzare “tutti gli strumenti a loro disposizione”. In questo caso, “questi paesi hanno davanti a loro una strada lunga e difficile. Gli Stati che dispongono di sistemi per applicare un approccio globale dovrebbero essere in grado di contenere le riacutizzazioni a livello locale ed evitare di reintrodurre restrizioni diffuse”.

Come uscire dalla pandemiaGhebreyesus ha posto ancora una volta l’accento su un approccio integrato per controllare la diffusione del contagio e prevenire una seconda ondata. Ricordando che “nell’ultima settimana, il numero di nuovi casi ha superato i 160mila in ogni singolo giorno”, ha insistito sull’urgenza di un approccio globale: “La ricerca dei casi da sola non funziona – ha detto – il distanziamento fisico da solo non funziona, le mascherine da sole non funzionano, il contact tracing da solo non funziona, bisogna usare tutti questi strumenti insieme”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, tensione nel Mediterraneo tra Francia e Turchia: Parigi si ritira dall’operazione navale della Nato

next
Articolo Successivo

Coronavirus, dal vaccino alle disuguaglianze tra Paesi e nei Paesi: Italia ed Europa pronte alla sfida del futuro per “ricostruire meglio”

next