È morta nella sua casa di Beverly Hills l’attrice Linda Cristal. Aveva 89 anni ed era diventata celebre negli Stati Uniti per la sua interpretazione nella serie tv di fine anni sessanta The High Chaparral che in Italia divenne Ai confini dell’Arizona. La serie prodotta dalla NBC durò dal 1967 al 1971 e sfruttò la scia dell’altro precedente grande successo di serie tv western NBC, Bonanza. La Cristal – che anche in Bonanza ebbe una particina – in Ai confini dell’Arizona ebbe un ruolo importante di co-protagonista, quello di Victoria, figlia del ricco ranchero Montoya, giovane sposa del capofamiglia dell’altro gruppo familiare protagonista della serie, i Cannon. Fatto curioso è che nel 1970 l’attrice argentina all’epoca 36enne vinse il Golden Globe come miglior attrice in una serie drammatica, proprio alla prima assegnazione del premio.

L’interprete di The High Chaparral era nata nel 1934 a Buenos Aires e il suo vero nome all’anagrafe era Marta Victoria Moya. Negli anni cinquanta aveva interpretato alcune produzioni cinematografiche argentine e messicane. Solo nel 1956 ebbe un ruolo robusto in un film hollywoodiano come Comanche e nel 1961 lavorò in una commedia di Blake Edwards – In licenza a Parigi – a fianco di Tony Curtis. Nel 1960 fece parte del cast stellare de La battaglia di Alamo, il kolossal patriottico diretto, interpretato e prodotto da John Wayne, vero must delle tv commerciali italiane anni ’90. Il biennio ’60-’61 è quello più importante per la Cristal, perché è interprete anche di Cavalcarono insieme, diretta da John Ford e co-protagonista con un’altra star hollywoodiana come James Stewart. Cristal era di padre francese e di madre italiana. I genitori si erano trasferiti in Argentina a causa del lavoro del padre che faceva l’editore.

Linda rimase poi orfana di entrambi i genitori a 13 anni e successivamente cominciò a studiare pianoforte al conservatorio e a 16 anni sposò l’attore argentino Tito Gomez. Matrimonio che sollevò un certo imbarazzo e fastidio in famiglia tanto che i suoi parenti fecero di tutto per annullare le nozze e per convincere la ragazza ad entrare in convento come le sue cugine. Poi il caso ci si mise in mezzo e mentre si trovava in auto con suo fratello, venne vista da un produttore del cinema messicano, Miguelito Aleman, figlio del presidente del Messico, che la volle fortemente come attrice in un film da lui prodotto. È in quei mesi che Maria Victoria si comincerà a far chiamare con il suo nome d’arte, Linda Cristal. Si ritirerà dalle scene a metà anni ottanta, non prima di avere partecipato nei classici cameo per telefilm e serie: Love Boat, Fantasilandia, Barnaby Jones, General Hospital.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lorella Cuccarini fa gli auguri a Marco Columbro con una frecciatina ad Alberto Matano

next
Articolo Successivo

Domenica In, “ma Al Bano è vivo, mio marito è morto”: le gaffe a raffica di Mara Venier e Romina Power

next