Vasco Rossi, in questi giorni, è al Grand Hotel di Rimini – lo stesso dove soggiornava Federico Fellini – per trascorrere qualche giorno di vacanza, circondato dal suo team per le prime riunioni sui prossimi progetti lavorativi e discografici. Come dice sempre l’artista, è importante arrivare “vivo, sano e lucido fino a giugno 2021”. Oltre 360mila persone si erano già prenotate per partecipare al Vasco Non Stop Live Festival, poi a causa della pandemia tutto è slittato al prossimo anno. Si ripartirà dal 13 giugno 2021 agli i-Days di Milano. Proprio a Rimini l’artista avrebbe dovuto tenere le prove per i suoi show.

“Alla fine ho deciso di venirci lo stesso, – ha dichiarato Vasco a La Repubblica – un po’ per scaramanzia, un po’ perché ho un sacco di ricordi, ci vengo dall’85: prendevo una casa, si stava bene. E adesso da dieci anni ritorno alla suite Fellini. Ci sono venuto anche ai tempi di Modena Park. Non volevo stare a Modena o nei dintorni perché avrei sentito troppo la tensione: questi sono proprio gli stessi giorni in cui andavo su e giù, ogni volta due ore e mezza con l’aria condizionata che una volta è esplosa!”.

Il ricordo va all’evento Modena Park che sarà al centro dello speciale di Rai Uno “La Tempesta Perfetta” di Giorgio Verdelli, in onda il primo luglio alle 20:35. “I giorni prima del concerto credo siano stati i più caldi della storia dell’umanità! – ricorda – Eravamo tutti emozionati. Quando è il momento prendiamo l’elicottero per andare: si moriva e io ero lì con la sciarpa perché dovevo proteggere la gola. (…) per mesi mi sono esercitato tutti i giorni per più di due ore. Alla fine sono arrivato a cantare come sempre ‘Albachiara‘ con la voce che sembrava stessi facendo la prima canzone!”.

Quella di Vasco è una carriera di grandi successi, ma anche di momenti difficili in cui il cantautore ha sempre trovato la forza di combattere. E pensare che da subito avrebbe voluto mollare tutto. “Dopo il mio terzo concerto della vita volevo smettere. – confessa – Ero uno sconosciuto e quando è così il pubblico, se va bene, è indifferente se non addirittura ostile. Ti insultano, ma vabbè lo metti in conto, quando ti tirano le cose però è diverso. Una volta c’erano questi fighetti del bar di fianco al nostro palco che facevano delle freccette di carta e me le tiravano: mi sono sentito talmente umiliato che non volevo salire mai più su un palco, volevo sparire. Ho preso la macchina e mentre tornavo a casa invece mi è scattato un meccanismo: ‘No, non smetto io. Se qualcuno mi tira le freccette la prossima volta scendo dal palco e lo prendo per il collo’. E così da allora, se uno mi dava fastidio io scendevo, sempre cantando nel microfono, e lo prendevo per i capelli finché arrivava qualcuno a darmi una mano. Era una cosa fisica, una guerra! Ma così ho imparato a stare sul palco”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

VASCO MONDIALE

di Michele Monina e Vasco Rossi 14€ Acquista
Articolo Precedente

“William e Kate pronti a volare a Hollywood da Harry e Meghan: vogliono riconciliarsi, temono rivelazioni compromettenti”

next
Articolo Successivo

Pietro Taricone, 10 anni fa moriva in un incidente con il paracadute. Marco Liorni: “Un trauma, ricordo ancora quella chiamata”

next