Dieci anni fa come oggi moriva in un terribile incidente con il paracadute Pietro Taricone, lo storico concorrente della prima edizione del Grande Fratello. In tutto questo tempo però, il mondo dello spettacolo non lo ha mai dimenticato, come dimostrano i tanti pensieri d’affetto che sempre gli sono stati rivolti da amici e colleghi. Tra questi c’è Marco Liorni, che lo aveva conosciuto quando faceva l’inviato speciale del reality di Canale 5 e aveva instaurato così con lui una profonda amicizia: “Era un figlio della tv a cui non piaceva la tv“, racconta il conduttore a Il Messaggero ricordando, ad esempio, di quando gli confessava di non sentirsi a suo agio come ospite. “Perché lui era uno vero. Tutto l’opposto di come appariva: dietro ai muscoli si nascondeva un grande cervello”.

Poi, quel 29 giugno del 2010 all’improvviso la telefonata che non avrebbe mai voluto ricevere: “‘Taricone ha avuto un incidente, è sotto i ferri. Temiamo che non ce la faccia’, mi dissero”, ricorda Liorni spiegano che in quel momento lui stava camminando sotto casa e continuò a farlo a lungo. “È stato un grande lutto personale e credo anche collettivo. Un trauma. Nessuno lo ha dimenticato“.

“Gli voglio veramente bene, ho tanti ricordi”. Come quando si incontrarono al teatro Olimpico per lo spettacolo di Hello Kitty. Il conduttore era con le sue figlie, Taricone con la sua, Sophie, nata dalla relazione con Kasia Smutniak: “Mi parlò 30 minuti di seguito, aveva voglia di raccontare, di aprirsi, di ascoltare. Con la sua personalità, così forte, era fenomenale: si godeva la vita in tutto. Gli autori, quando ci incontrammo nell’hotel di Roma prima dell’avvio dello show dissero che lui era fantastico”, conclude Liorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vasco Rossi confessa: “Al terzo concerto volevo smettere: mi tiravano le freccette, mi sono sentito talmente umiliato”

next
Articolo Successivo

Rolling Stones pronti a fare causa a Donald Trump: “Basta usare le nostre canzoni per la campagna elettorale”

next