Un morto e un ferito. È successo ieri durante la manifestazione del movimento Black lives matter a Louisville, in Kentucky: gli attivisti anti-razzismo si erano riuniti a Jefferson Square Park per chiedere giustizia per la morte di Breonna Taylor, una giovane afroamericana uccisa da tre agenti lo scorso marzo, quando verso le 21 una persona ha cominciato a sparare contro la folla. Nel video diffuso sui social – che vi proponiamo – si vede un uomo bianco aprire il fuoco nel parco, mentre la gente corre alla ricerca di un riparo, e una persona riversa per terra che perde molto sangue.

Gli agenti della polizia hanno provato a soccorrere l’uomo colpito inutilmente. “Poco tempo dopo, abbiamo ricevuto la notizia di un’altra vittima alla Hall of Justice. Quella persona è stata portata all’ospedale universitario con lesioni non mortali”, ha scritto su Twitter il dipartimento sottolineando che il parco rimarrà chiuso per le prossime ore.

“Sono profondamente rattristato dalla violenza scoppiata questa sera, dove erano raccolti coloro che esprimevano le proprie preoccupazioni – ha scritto sui social il sindaco di Louisville Greg Fischer, sottolineando che quando avrà più informazioni le renderà pubbliche – È una tragedia che quest’area di protesta pacifica sia ora una scena del crimine“.

Video Twitter

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’Unione Europea pronta a riaprire le frontiere ma solo a 15 Paesi: al momento esclusi gli Usa, ammessa la Cina

next
Articolo Successivo

Usa 2020 – Trump, le teorie cospirazioniste sul voto per posta: così vuole escludere afro-americani e giovani. E sfiduciare gli elettori

next