Resta alta la tensione nei palazzi ex Cirio di Mondragone, in provincia di Caserta, dove lunedì scorso è stata istituita la zona rossa. In totale sono 43 le persone risultate positive al Covid-19 su 730 tamponi effettuati. La maggior parte dei casi è stata riscontrata tra i braccianti bulgari che vivono nelle cinque palazzine. Alcuni di loro nei giorni scorsi in segno di protesta avevano violato i confini dell’area sfilando in corteo intorno ai palazzi, sfidando le forze dell’ordine che non sono riuscite a contenere la protesta. Nei giorni successivi i cittadini mondragonesi hanno cominciato a prendere di mira le auto e i furgoni con targa bulgara. Fino a giovedì l’esiguo numero di forze dell’ordine non è riuscito a contenere le contestazioni e le fughe dall’area. Ieri sono arrivati anche i militari, ma l’atmosfera resta tesa. Intanto nelle piazze principali del comune sono stati allestiti dei camper per effettuare, su base volontaria, i tamponi ai cittadini che vivono nei pressi dell’area in cui si è sviluppato il focolaio.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Militari morti per uranio impoverito, colonnello: “In Iraq situazione sconcertante. No prevenzione e tutela della salute, gestione da dilettanti”

next