Resta alta la tensione nei palazzi ex Cirio di Mondragone, in provincia di Caserta, dove lunedì scorso è stata istituita la zona rossa. In totale sono 43 le persone risultate positive al Covid-19 su 730 tamponi effettuati. La maggior parte dei casi è stata riscontrata tra i braccianti bulgari che vivono nelle cinque palazzine. Alcuni di loro nei giorni scorsi in segno di protesta avevano violato i confini dell’area sfilando in corteo intorno ai palazzi, sfidando le forze dell’ordine che non sono riuscite a contenere la protesta. Nei giorni successivi i cittadini mondragonesi hanno cominciato a prendere di mira le auto e i furgoni con targa bulgara. Fino a giovedì l’esiguo numero di forze dell’ordine non è riuscito a contenere le contestazioni e le fughe dall’area. Ieri sono arrivati anche i militari, ma l’atmosfera resta tesa. Intanto nelle piazze principali del comune sono stati allestiti dei camper per effettuare, su base volontaria, i tamponi ai cittadini che vivono nei pressi dell’area in cui si è sviluppato il focolaio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Militari morti per uranio impoverito, colonnello: “In Iraq situazione sconcertante. No prevenzione e tutela della salute, gestione da dilettanti”

next