Una busta con tre bossoli e minacce di morte è stata trovata a pochi passi dall’abitazione dell’ex segretario generale della Fim-Cisl, Marco Bentivogli, appena dimissionario dall’incarico. Lo denuncia una nota Fim: “È stata appena rinvenuta a Roma una busta con 3 bossoli, uno calibro 38 e due calibro 9, con minacce di morte in ricordo dei 10 anni dall’accordo Fiat di Pomigliano”. Nel giugno 2010 si firmava infatti un’intesa tra la società e i sindacati (Fiom esclusa) per il rilancio del complesso industriale, che prevedeva novità sulle ore di lavoro e di straordinario, cassa integrazione e scioperi.

Nel volantino vicino ai 3 bossoli si legge: “Festeggeremo insieme l’accordo di Pomigliano ovunque a Roma o ad Ancona, non bastano le dimissioni“. Sul posto, prosegue la nota, oltre alla scorta già presente, sono intervenute la Digos e la scientifica. Bentivogli non è nuovo alle minacce: la scorta gli fu assegnata proprio dopo l’accordo su Pomigliano, che lacerò il fronte sindacale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sevel di Atessa, non fu autorizzato ad andare in bagno e si urinò addosso: l’azienda di furgoni di Fca-Psa condannata a risarcire un operaio

next
Articolo Successivo

Fondi per la formazione, misurare gli impatti è utile per tutelare i lavoratori più fragili

next