Una busta con tre bossoli e minacce di morte è stata trovata a pochi passi dall’abitazione dell’ex segretario generale della Fim-Cisl, Marco Bentivogli, appena dimissionario dall’incarico. Lo denuncia una nota Fim: “È stata appena rinvenuta a Roma una busta con 3 bossoli, uno calibro 38 e due calibro 9, con minacce di morte in ricordo dei 10 anni dall’accordo Fiat di Pomigliano”. Nel giugno 2010 si firmava infatti un’intesa tra la società e i sindacati (Fiom esclusa) per il rilancio del complesso industriale, che prevedeva novità sulle ore di lavoro e di straordinario, cassa integrazione e scioperi.

Nel volantino vicino ai 3 bossoli si legge: “Festeggeremo insieme l’accordo di Pomigliano ovunque a Roma o ad Ancona, non bastano le dimissioni“. Sul posto, prosegue la nota, oltre alla scorta già presente, sono intervenute la Digos e la scientifica. Bentivogli non è nuovo alle minacce: la scorta gli fu assegnata proprio dopo l’accordo su Pomigliano, che lacerò il fronte sindacale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sevel di Atessa, non fu autorizzato ad andare in bagno e si urinò addosso: l’azienda di furgoni di Fca-Psa condannata a risarcire un operaio

next
Articolo Successivo

Fondi per la formazione, misurare gli impatti è utile per tutelare i lavoratori più fragili

next