Ci saranno i turni, si andrà a scuola anche di sabato, la didattica sarà in parte in presenza e in parte digitale per gli studenti delle scuole superiori; le discipline saranno aggregate in aree e ambiti disciplinari e per fare lezione si useranno anche cortili, teatri, cinema e biblioteche. Si dovranno però evitare assembramenti e raggruppamenti, inoltre dovranno essere previste entrate e uscite diversificate e distanziamenti adeguati. E poi mense con più turni, e formazione del personale (Ata compreso). Ecco la scuola che verrà, quella che partirà dal mese di settembre. Sono le linee guida che la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha sulla sua scrivania da giorni e che presenterà ufficialmente prima del fine settimana.

Si tratta di una bozza che dev’essere ancora integrata, ma contiene già le indicazioni principali che i dirigenti scolastici dovranno seguire per garantire la ripartenza dell’anno scolastico dopo lo stop a causa della pandemia. Nel documento trasmesso dal Capo di Gabinetto di viale Trastevere alla Conferenza Stato-Regioni non si parla di mascherine e di metri di distanza da tenere in aula, ma per quanto attiene questo argomento rinvia all’atto presentato dal Comitato tecnico scientifico il 28 maggio scorso.

Accordi con il terzo settore e ingressi scaglionati – Le linee guida della ministra lasciano spazio d’azione ai presidi nel rispetto dell’autonomia scolastica ma consegnano ai capi d’istituto delle indicazioni che cambieranno il modo di fare scuola. In primis, si parla per la prima volta di “patti di comunità” per creare “condizioni per la presenza a scuola o in altri spazi esterni di personale educativo responsabile di attività integrative o alternative alla didattica”: un’apertura al terzo settore, alle associazioni teatrali e culturali presenti sui territori. Per quanto riguarda i disabili il documento del Miur parla di “accomodamenti ragionevoli sempre nel rispetto delle specifiche indicazioni del Cts”. Sulla questione degli ingressi a scuola, la ministra ha voluto essere precisa: “L’arrivo degli alunni potrà essere differito e scaglionato in maniera da evitare assembramenti nelle aree esterne e nei deflussi all’interno”.

Scuole dell’infanzia: attività all’aperto ma niente giochi da casa – Un capitolo a parte è dedicato alla scuola dell’infanzia dove si “dovrà prevedere la valorizzazione e l’impiego di tutti gli spazi esterni ed interni”, privilegiando i primi. In questo caso il ministero dedica attenzione anche all’aspetto pedagogico: “L’organizzazione dei diversi momenti della giornata dovrà essere serena e rispettosa delle modalità tipiche dello sviluppo infantile, per cui i bambini dovranno essere messi nelle condizioni di esprimersi con naturalezza e senza costrizioni”. L’uso di mascherine per loro non è previsto, e i dispositivi per gli adulti non devono far venir meno la possibilità di essere riconosciuti. Ma non solo. Il documento prevede che gli ingressi e le uscite debbano essere regolamentati e che i giochi non debbano essere portati da casa.

Infine la mensa: laddove non potrà essere svolta nei refettori, il pasto verrà consumato all’interno dell’aula con la distribuzione di monoporzioni.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alla Maturità come in aeroporto: si entra di qui, si esce di là. Ma ho imparato qualcosa di importante

next
Articolo Successivo

Linee guida per rientro a scuola, l’allarme dei presidi: “Distanziamento impossibile nelle classi pollaio. Il 40% delle aule sono inadatte e mancano i prof”

next