Due donne, Danielle e Kadi, hanno accusato sui social Justin Bieber di averle stuprate poi, dopo la replica della popstar, hanno rimosso i loro tweet. Tutto è successo nelle ultime ore su Twitter: le due hanno pubblicato dei post in cui raccontavano in maniera molto dettagliata gli abusi che dicevano di aver subito nel marzo del 2014 e poi nel maggio del 2015 per mano, appunto, di Bieber.

Stando ai racconti delle due donne il primo episodio si sarebbe verificato in un hotel di Austin, in Texas, nella notte del 9 marzo del 2014, dopo un evento organizzato dal manager di Bieber, Scooter Braun, durante il quale le due ragazze sarebbero state invitate ad incontrare il cantante che poi le avrebbe invitate a seguirlo in un albergo: “Accettammo. Non potevano sospettare di nulla, stavamo uscendo con una celebrità”, scrive Danielle in uno dei post poi cancellati. “Un amico di Justin ci divise, e portò me in una stanza dove Justin mi disse di non dire niente a nessuno se no sarei finita in seri guai legali…”. Nella stanza, stando al racconto della ragazza, che all’epoca aveva 21 anni, Bieber avrebbe cominciato a spogliarla contro la sua volontà: “Ero lì, non riuscivo a dire una parola, il mio corpo era come privo di sensi. Non racconterò nei dettagli cosa accadde dopo. Fui molestata“, ha detto ancora.

Ovviamente i post non sono sfuggiti all’attenzione dello stesso Justin Bieber che, sempre su Twitter, ha voluto replicare alle accuse: “Le voci sono voci ma l’abuso sessuale è qualcosa che non prendo alla leggera… Non c’è verità in questa storia…”, ha scritto pubblicando alcune foto a prova della sua estraneità ai fatti citati. “Normalmente non mi occupo di queste cose poiché ho affrontato accuse casuali per tutta la mia carriera, ma dopo aver parlato con mia moglie e il mio team ho deciso di intervenire… – prosegue Justin Bieber -. Per rispetto di così tante vittime che affrontano quotidianamente questi problemi, volevo assicurarmi di aver raccolto i fatti prima di fare qualsiasi dichiarazione. Nelle ultime 24 ore un è apparso un nuovo Twitter che raccontava una mia storia coinvolta in abusi sessuali il 9 marzo 2014 ad Austin, in Texas, presso l’hotel Four Seasons… In effetti, come mostrerò presto, non sono mai stato presente in quel luogo“.

Quindi popstar ha pubblicato una serie di foto di scontrini e prenotazioni, oltre al link di un articolo di un giornale di gossip, che mostrano i suoi spostamenti la notte del 9 marzo, notte in cui si trovava con Selena Gomez, allora sua compagna, confutando così le accuse. “Ogni accusa di abuso sessuale deve essere presa sul serio ed è per questo che ho deciso di rispondere. Collaborerò con Twitter e le autorità per intraprendere azioni legali”, conclude.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Al Bano chiarisce: “Io non piango miseria: sarebbe un’offesa ai poveri veri dire così. Ho 28 ettari di terra e un albergo con 50 camere”

next
Articolo Successivo

Roberta Beta, la protagonista del primo Grande Fratello torna in tv dopo 7 anni: “Ho scoperto il tradimento leggendo un messaggio”

next