“La relazione della Corte dei Conti europea è un forte monito alla Commissione europea e non può essere ignorata. L’analisi conferma tutti i nostri dubbi sul Tav: le tempistiche di consegna non verranno rispettate, le previsioni di traffico sono troppo ottimistiche e avrà un impatto estremamente negativo per l’ambiente”, così in un video-messaggio gli europarlamentari del Movimento 5 stelle Tiziana Beghin e Mario Furore, commentano il rapporto della Corte dei Conti che stronca l’opera di alta-velocità. “Le emissioni prodotte per costruire l’opera verranno infatti compensate solo dopo 25 anni – fanno sapere gli europarlamentari – I giudici contabili lussemburghesi infine temono che l’Europa stia cofinanziando una Cattedrale nel deserto che non abbia nessuna utilità per cittadini e imprese”. Nell’analisi, spiegano nel video, il Tav è considerato “l’opera infrastrutturale più cara d’Europa a causa dell’incremento dei costi rispetto al progetto iniziale”, “la più cara e la più inutile, diciamo noi”. Beghin e Furore, infine, fanno sapere di aver inviato una lettera alla Commissione europea “per chiedere che i fondi destinati questo progetto” siano re-indirizzati “all’emergenza Coronavirus”. “L’accordo alla base del TAV Torino-Lione contiene, infatti, una clausola che ne prevede lo scioglimento in circostanze eccezionali – concludono – Quelle circostanze, purtroppo, si sono verificate. La pandemia costringe l’Europa a ripensare alle proprie priorità: investiamo dunque quei miliardi nella sanità, nella transizione energetica e in infrastrutture che servano davvero ai cittadini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, la Commissione propone piano contro la concorrenza sleale alle aziende europee da parte dei gruppi cinesi sussidiati dallo Stato

next
Articolo Successivo

George Floyd, il discorso di von der Leyen al Parlamento: “In Ue non c’è spazio per il razzismo, il nostro motto è uniti nella diversità”

next