A 56 anni, Manuela Villa sosterrà tra pochi giorni l’esame di maturità. È stata la stessa cantante e attrice, figlia del grande Claudio Villa, a rivelarlo intervenendo durante la “linea diretta” di Rtl 102.5 ironizzando sul fatto di essere “una vecchietta” e spiegando che sarà interrogata il prossimo 23 giugno. Tutto questo perché all’epoca, quando frequentava il quinto anno dell’Istituto Rossellini di Roma, il giorno dell’esame di maturità si presentò regolarmente, ma per la paura non entrò in aula: “Frequentavo il quinto anno all’Istituto Rossellini di Roma, il giorno dell’esame mi sono presentata e la mia professoressa mi diceva ‘entra, entra!’ ma io mi sono rifiutata per paura dell’interrogazione. Avevo la testa da un’altra parte, adesso voglio riprendermi quello che avevo lasciato, voglio rimettermi in gioco. Vi sto ascoltando, io agli esami di maturità 2020 per riprendermi quello che negli anni di fuoco avevo perso. Sono emozionata come tanti ragazzi, sto vivendo l’ebrezza e la paura come una ragazzina, in una situazione paradossale, ma forte e unica”, ha detto a Rtl.

La cantante ha parlato anche di come suo figlio 16enne abbia vissuto il fatto che lei si abbia deciso di sostenere ora la maturità: “Per lui è un esempio, gli ho detto di studiare adesso che ha 16 anni, se no si ritroverà come me che sto impazzendo dietro ai libri”. A differenza di tanti anni fa, ora l’esame le fa comunque meno paura: “Se hai studiato esce fuori, che si tratti di un esame scritto oppure orale, noi abbiamo comunque dovuto consegnare un elaborato. L’interrogazione verrà effettuata sull’elaborato”, ha concluso Manuela Villa.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aunt Jemima, addio alla faccia della “zia” su sciroppo e altri prodotti dolci: “Stereotipo razzista”

next
Articolo Successivo

Belen Rodriguez e Stefano De Martino, “la verità sulla rottura: nessun tradimento. Ecco il motivo”

next