Ad aprile fatturato e ordinativi dell’industria italiana praticamente dimezzati rispetto allo stesso mese del 2019: –46,9% e -49%. Tessile e abbigliamento, in particolare, hanno visto il fatturato crollare del 78,5% e i mezzi di trasporto hanno segnato -73,5%. Rispetto a marzo il calo per il fatturato è del 29,4 % e per gli ordinativi del 32,2%. Lo comunica l’Istat, che parla dei peggiori risultati per entrambe le serie storiche – che partono dal 2000 – segnalando come nella media degli ultimi tre mesi la riduzione è del 23,9% e del 27,7%, rispettivamente. Questi numeri seguono quelli sull’andamento della produzione industriale che ha registrato un altro record negativo.

Anno su anno gli ordini calano sia sul mercato interno (-53%) sia su quello estero (-43,6%). E anche il calo mese su mese del fatturato è esteso sia al mercato interno, che cede il 27,9%, sia a quello estero, che segna una caduta del 32%. Per gli ordinativi, sono le commesse provenienti dal mercato interno a registrare il peggiore risultato (-33,9%) rispetto a quelle provenienti dal mercato estero (-30%). La flessione è generalizzata a tutti i raggruppamenti principali di industrie: gli indici destagionalizzati del fatturato registrano una caduta congiunturale del 23,3% per i beni di consumo, del 30,9% per i beni intermedi, del 33,4% per l’energia e del 34,4% nel caso dei beni strumentali. Su base annua, corretto per gli effetti di calendario il fatturato totale diminuisce del 48,1% sul mercato interno e del 44,6% su quello estero.

Per quanto riguarda il comparto manufatturiero, l’Istat evidenzia come tutti i settori registrano variazioni negative. Le flessioni sono più lievi per il comparto farmaceutico (-0,2%) e per quello alimentare (-9,5%), molto più ampie nei rimanenti: dalla chimica (-26,6%) fino ai risultati senza precedenti dei mezzi di trasporto (-73,5%) e dell’industria tessile e dell’abbigliamento (-78,5%).

In termini tendenziali, quindi rispetto ad aprile 2019, l’indice grezzo degli ordinativi segna una caduta 53% per quelli interni e del 43,6% per quelli esteri. L’unica variazione positiva si registra per l’industria farmaceutica (+1,5%), mentre quella negativa più ampia si rileva per il settore dei mezzi di trasporto (-71,2%).

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple, l’Antitrust Ue apre due indagini sulla piattaforma di pagamenti online e le regole per gli sviluppatori dopo reclami dei concorrenti

next
Articolo Successivo

Bacardi, guerra nella famiglia azionista della multinazionale del rum: la vedova di Luis Bacardi, estromessa dal voto, va per vie legali

next