Un crollo senza precedenti della produzione industriale: -19,1% rispetto a marzo, -42,5% su base annua. E’ la rilevazione dell’Istat su aprile, mese di pieno lockdown. In picchiata tutti i settori di attività economica ma in particolare l’auto che ha perso il 100% di produzione e le industrie tessili, dell’abbigliamento e di pelli e accessori (-80,5%). I cali minori, invece, si osservano come era immaginabile nella produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (-6,7%) e nelle industrie alimentari, bevande e tabacco (-8,1%).

Commentando il dato l’Istat ricorda come su base congiunturale, al netto della stagionalità, la flessione è “meno ampia di quella di marzo (-28,4%); l’unico comparto in leggera crescita è quello farmaceutico (+2%), mentre rimane sostanzialmente stabile quello alimentare (-0,1%)”.

L’istituto di statistica ha anche aggiornato i conti economici trimestrali. Il dato più rilevante è il crollo delle ore lavorate: nel primo trimestre hanno registrato una diminuzione del 7,5% pur in un contesto di sostanziale stabilità delle posizioni lavorative (-0,2% rispetto al trimestre precedente). Il crollo corrisponde a una perdita di 1 milione 659mila unità di lavoro ‘full time equivalent‘, ovvero unità standard che ricompattano le ore lavorate in posizioni a tempo pieno. “Questo risultato – si spiega – è dovuto a un calo del 2,4% dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, dell’8,9% dell’industria in senso stretto e del 9,9% delle costruzioni, mentre i servizi registrano una riduzione del 7,3%”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati Generali, Gualtieri: “Rilancio dell’azione di governo in un orizzonte di legislatura legato anche al Recovery Plan. Per un’Italia migliore”

next
Articolo Successivo

Borse, tutti i listini Ue in profondo rosso: timori per la seconda ondata di coronavirus negli Usa. A Milano crollano Atlantia e Fca

next