La Corea del nord ha fatto esplodere la sede dell’ufficio di collegamento intercoreano, quello cioè deputato al dialogo tra le due Coree, a Kaesong, la più meridionale delle città nordcoreane. Le immagini dell’attacco, riprese da una telecamera di sorveglianza, sono state diffuse dal ministero della Difesa di Seul. L’esplosione segna una nuova escalation delle tensioni tra Pyongyang e la Corea del sud. E la mossa arriva al termine di una serie di avvertimenti lanciati dalla sorella di Kim Jong Un a Seul, l’ultimo proprio sabato sera quando Kim Yo-jong aveva annunciato: “Entro breve si assisterà ad una scena tragica riguardante l’inutile ufficio di collegamento Nord-Sud ormai al collasso”. L’esplosione è avvenuta alle 14.49 ora locale. L’ufficio di collegamento era stato aperto nel settembre del 2018 per facilitare gli scambi e la cooperazione intercoreana favorita dagli incontri al vertice tra Pyongyang e Seul. Contatti rallentati negli ultimi mesi, anche a causa dell’emergenza Coronavirus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la Nuova Zelanda non è più Covid-free: primi contagi dopo tre settimane

next
Articolo Successivo

Ungheria, Parlamento vota per la fine dello stato d’emergenza e lo stop ai ‘pieni poteri’ di Orban. Ong: “Illusione ottica”

next