Stavano guardando sfilare una marcia antirazzista di Black Lives Matter a Franklin Township, New Jersey, nel giorno dei funerali di George Floyd, l’afroamericano soffocato da 4 agenti. Erano sul marciapiede insieme un gruppo di contromanifestanti bianchi con bandiere pro Trump a gridare “le vite degli afroamericani non contano per nessuno”, “Contano le vite dei poliziotti”. E hanno simulato il soffocamento di Floyd davanti a chi stava sfilando pacificamente.

“Questo è quello che accade quando non obbedisci ai poliziotti“, ha strillato l’uomo che schiacciava con un ginocchio il collo del compagno, come si vede sui video apparsi sui social. “Obbedendo ai poliziotti questo non sarebbe accaduto. Lui (Floyd, ndr) non ha obbedito”, ha insistito, mentre dagli atti d’accusa emerge che l’afroamericano non oppose resistenza. Dopo che l’episodio è stato denunciato dai leader locali e dalla polizia, uno dei due uomini, un agente penitenziario, è stato sospeso, mentre l’altro è stato silurato dalla Fedex.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, a Chicago 18 omicidi in 24 ore: è il numero più alto in 60 anni. “Mai visto niente di simile”

next
Articolo Successivo

Iran, un grande passo avanti contro l’abuso su minori: nasce la ‘legge Romina’

next