Il manifesto con cui Matteo Salvini annunciava il suo arrivo in Campania diventa un caso. Circola una versione in cui si vede chiaramente l’Etna sullo sfondo e che ha suscitato l’ilarità di molti utenti commenti, che accusano il leader leghista di non saper distinguere due simboli delle rispettive Regioni. Ma lui smentisce tutto, pubblicando una doppia versione: un manifesto con il Vesuvio, “l’originale” e una versione con l’Etna, contraffatta, a suo dire, da qualche “buontempone”: “Se queste sono le armi di sinistra – scrive – e grillini contro la Lega… La commissione sulle fake news che dirà?!?”

Il profilo non aiuta a risolvere il mistero: si vede che un primo post è stato modificato, ma è impossibile risalire all’originale. E a chi nei commenti glielo fa notare, l’amministratore della pagina “Lega- Salvini Premier” risponde: “Sei un poveretto, la foto con l’Etna non è mai esistita”.

COMICI! Qualche buontempone si è divertito a ritoccare la grafica di un cartello sulla mia visita di oggi a Napoli…

Gepostet von Matteo Salvini am Freitag, 5. Juni 2020

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Cerchiamo solo cuochi italiani, non puoi avere il posto”: la storia di Samy

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale dell’ambiente, così la celebra Giovanni Storti: il videomessaggio dalle montagne sopra Lecco

next