Il Tatler, “la Bibbia dell’aristocrazia britannica”, ha gettato lo scompiglio a Kensington Palace con il suo articolo di copertina del numero di luglio dedicato a Kate Middleton, che viene definita “Caterina la grande”. Tanto che per la prima volta William e Kate hanno prima tacciato come “inesattezze e falsità” le rivelazioni contenute e poi hanno deciso di querelare la rivista, intimandogli di eliminare l’articolo dal loro sito web. A non essere gradite dai Duchi sono state le “soffiate” fatte a diverse fonti vicine alla famiglia reale che, oltre a svelare aneddoti inediti sulla rivalità tra Kate e Meghan e sui Middleton, raccontano anche come William incontri spesso la medium amica della madre Diana.

Il futuro Re d’Inghilterra, infatti, starebbe consultando con una certa insistenza la medium Simone Simmons, proprio come era solita fare sua madre lady Diana che era entrata in confidenza con la donna, confidandole le sue paure e i suoi segreti. Pare che William accolga la medium con tutte le onorificenze del caso nei suoi appartamenti a Kensington Palace, per avere delucidazioni sul suo futuro come re e in generale sul futuro della sua Famiglia Reale e che le visite siano diventate più frequenti in seguito alla “Megxit”.

Secondo quanto rivela Tatler, al suo arrivo, la chiaroveggente di fiducia viene accolta in uno dei sontuosi salotti di Kensington Palace per una seduta in cui si procede poi a chiamare lo spirito della principessa, permettendo cosi al principe di consultare la madre morta sui temi per i quali è “fortemente preoccupato”. Le fonti raccontano che William avrebbe provato a coinvolgere Kate in queste sedute ma lei sarebbe tutt’altro che entusiasta, anzi, piuttosto scettica, e presenzierebbe solo per accontentare il marito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le Iene fanno il test sierologico rapido ai politici: Stefania Prestigiacomo ha avuto il covid-19 ma ora è negativa al tampone

next
Articolo Successivo

Vittorio Brumotti ancora aggredito: calci, pugni, sputi e bottigliate

next