Il burattinaio del sistema di tangenti creato in Regione Lombardia era Nino Caianiello. Lo ripetono ancora una volta i pm della procura di Milano, che hanno chiuso le indagini del secondo filone dell’inchiesta Mensa dei Poveri notificando complessivamente a 34 indagati, tra cui l’ex eurodeputata azzurra Lara Comi. Nell’atto risulta indagata anche la Tigros , la società titolare della nota catena di supermercati in qualità di ente e in relazione al reato di corruzione contestato al suo patron, cioè Paolo Orrigoni.

Nell’avviso di conclusione delle indagini, 46 pagine in tutto, che precede la richiesta di rinvio a giudizio Caianiello, che con altri 10 coindagati si è visto respingere la richiesta di patteggiamento, viene descritto come colui che “sovrintende e coordina tutte le attività dell’associazione, impartisce direttive agli altri partecipi, definendone i compiti e modalità operative” . Ma soprattutto è colui che “mantiene i rapporti con gli esponenti del mondo politico, essendo figura di assoluto rilievo nel panorama politico di Forza Italia, a livello quantomeno regionale”.

L’ex coordinatore del partito di Silvio Berlusconi a Varese, carica che “di fatto” avrebbe sempre ricoperto, “per il ruolo di primo piano che svolge nel contesto politico, e quindi nelle assemblee degli enti locali ove il partito in cui milita rappresenta una formazione politica di maggioranza, – si legge nell’atto giudiziario – riesce ad influenzare gli organi amministrativi competenti per il buon esito delle procedure amministrative”. Inoltre, sarebbe riuscito pure a controllare “società a partecipazione pubblica (…) grazie alla sistematica collocazione di persone, a lui strettamente e fiduciariamente riferibili, nei posti apicali di governance”. In definitiva secondo inquirenti e investigatori avrebbe avuto la “funzione di raccordo” tra gli amministratori locali “con gli esponenti regionali e provinciali del mondo politico e delle istituzioni”. Non è escluso che alcuni ritentino la strada del patteggiamento e Caianiello chieda il processo in abbreviato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Corruzione, avvocato (ed ex europarlamentare dell’Udeur) indagato: “Soldi al giudice per far scarcerare 3 boss di ‘ndrangheta”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’inchiesta: “La Toscana ha pagato 7 milioni per 200 ventilatori prima di deliberare”. E le macchine non sono arrivate

next