No, mia figlia, non tornerà a scuola. Firmato: Kate Middleton. Il governo inglese ha deciso. Dal primo giugno riapriranno le scuole. Ma il primo grosso e simbolico rifiuto di un ritorno alla normalità dopo mesi di lockdown per il Coronavirus, lo offre proprio la duchessa di Cambridge. Secondo i tabloid inglesi la moglie di William, nuora della regina Elisabetta, non vuole che la figlia Charlotte torni in classe.

Gli ingressi sarebbero contingentati e sotto un regime di massima sicurezza, ma la royal family non sembra avere orecchie per ascoltare. Tra George, Louis e Charlotte, è quest’ultima ad avere la possibilità di tornare tra i banchi della Thoma’s Batterea School, ovviamente a distanza di almeno un metro dai compagni; mentre George continuerà le lezioni via web, e il piccolo Louis, che ha appena compiuto due anni, rimarrà ancora in quarantena con papà e mamma ad Anmer Hall.

“Motivano la loro scelta con ragioni ben precise”, ha rivelato al Daily Mail una fonte interna alla royal family. “Per settimane sono stati uniti e ora hanno la paura di tornare alla loro vita di sempre. Un pensiero che accomuna molte famiglie. Se Charlotte non andrà a scuola, il paese e il Governo si aspettano una lettera da parte dei duchi”. Già perché l’assenza ingiustificata di Charlotte peserà in maniera direttamente proporzionale con la ripresa di una vita apparentemente normale post Sars Cov-2 dei comuni “sudditi” di Sua Maestà. Per non parlare dell’incidente istituzionale tra il primo ministro Johnson e la casa reale.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grey’s Anatomy, le strane mosse di Ellen Pompeo sui social e quel sospetto sugli altri protagonisti: la fine della serie tv cult è vicina?

next
Articolo Successivo

Morgan: “Asia Argento mi picchiava durante il sonno. Nella notte mi tirava i pugni in faccia. Cosa mi manca? Sc****e”

next